Articoli, saggi, Generalità, varie -  Cendon Paolo - 2015-12-09

MOTIVAZIONE DELLA SENTENZA E DIVAGAZIONI DEI GIUDICI – Paolo CENDON

L"obiter dictum come pagina di diario, nella sentenza: la divagazione come occasione di autoanalisi, come piccolo lusso autobiografico, come messaggio nella bottiglia. Forse non proprio il giudice che punisce per autopunirsi, o che assolve per autoassolversi, o viceversa. Talvolta magari anche così. Ma spesso comunque il giudice che, parlando di causalità, di infortuni, di famiglia, di ingiustizia del danno, di amore, o di quattrini, finisce per raccontare la propria storia: Per dirci e per svelare anche a se stesso quali sono in realtà i suoi desideri, quali i suoi segreti e i suoi peccati.



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati