Legislazione e Giurisprudenza, Separazione, divorzio -  Mazzotta Valeria - 2014-10-10

NEGOZIAZIONE ASSISTITA NELLA SEPARAZIONE: MINISTERO FA CHIAREZZA - MInist. Int. Circ. 16/2014 - V. MAZZOTTA

E" stata pubblicata dal Ministero degli Interni, Dipartimento per gli Affari interni e territoriali, la circolare n. 16/2014 al fine di chiarire alcuni aspetti in tema di negoziazione assistita dall"avvocato nella separazione personale, divorzio o modifica delle condizioni di separazione o divorzio. Ricordiamo infatti che il D.L. 132/2014 ha introdotto la possibilità di separarsi, divorziare o modificare le condizioni di una precedente separazione o divorzio, purchè non vi siano figli minori o maggiorenni non economicamente autosufficienti o portatori di handicap, rivolgendosi all"avvocato e senza passare dalle aule del Tribunale, nonché direttamente recandosi innanzi all"ufficiale di stato civile per formalizzare l"accordo raggiunto (ma in questa ipotesi le parti non possono attuare, con l"accordo, alcun trasferimento immobiliare).

La circolare precisa quali sono gli incombenti in capo all'avvocato e all'ufficiale di stato civile:

1) L'avvocato davanti al quale viene conclusa la convenzione di negoziazione assistita deve trasmettere entro 10 giorni  all'ufficiale di stato civile del Comune in cui il matrimonio è stato iscritto o trascritto, copia dell'accordo, autenticata dallo stesso, il quale deve altresì autenticare le firme dei coniugi e attestare che l'atto è conforme alle norme imperative e all'ordine pubblico.

Si è in attesa di un chiarimento in merito alle modalità di trasmissione dell'atto nonché sulla validità della data di spedizione o quella di ricezione dell'atto da parte del Comune: chiarimento importante poiché sul professionista che non adempia all"obbligo di legge grava una sanzione da € 5.000 a € 50.000, della cui irrogazione è competente il Comune destinatario del'atto.

2) L'ufficiale di stato civile del Comune in cui il matrimonio è stato iscritto o trascritto pertanto, deve curare l'esatta esecuzione degli adempimenti che discendono dal ricevimento dell'accordo, ai sensi del D.P.R. 396/2000, come modificato dal decreto legge (salvo sviste, non è stabilito alcun termine tassativo entro cui deve provvedere).

Per individuare l'ufficiale di stato civile competente, il matrimonio iscritto è quello celebrato con rito civile, la cui iscrizione avviene nel comune di celebrazione; il matrimonio trascritto è quello celebrato conrito religioso, la cui trascrizione avviene nel comune di celebrazione, o quello celebrato all'estero, la cui trascrizione avviene nel comune di residenza o iscrizione AIRE.

3) Gli effetti della convenzione (anche ai fini del decorso del triennio per chiedere il divorzio) è quella certificata dall"accordo stesso



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati