Articoli, saggi, Inizio vita, fecondazione assistita -  Redazione P&D - 2014-07-29

OBIEZIONE DI COSCIENZA E RISPOSTE DELL'ORDINAMENTO GIURIDICO - Salvatore PRISCO

Salvatore Curreri ha pubblicato il 17 luglio 2014 su Confronti Costituzionali la nota dal titolo Il "decreto Zingaretti" sull"esercizio dell"obiezione di coscienza all"aborto: una risposta sbagliata ad un problema serio.

L"autore ricorda brevemente gli ultimi atti di rilievo nazionale sul fenomeno oggetto della sua attenzione. Si tratta di una decisione del Comitato dei diritti sociali del Consiglio d"Europa che ha censurato il  10. 3. 2012, su ricorso n. 87/ 2012, il nostro Paese, perché l"elevatissimo numero di chi esercita l"obiezione di coscienza all"interruzione della gravidanza penalizza le donne incinte che intendano accedervi e che – specialmente in certe regioni centro-meridionali del Paese  – ne sono in sostanza impedite o messe in gravi difficoltà concrete (sul punto si vedano A. Carminati,La decisione del Comitato europeo dei diritti sociali richiama l"Italia ad una corretta applicazione della legge 194 del 1978, in Osservatorio della Rivista AiC, 26 giugno 2004; L. Serino, Obiezione di coscienza e aborto: la condanna del Comitato Europeo dei Diritti Sociali, in Diritti Umani in Italia, all"url www.Duitbase.it, 8 Maggio 2014) e di una precedente sentenza del Tar Puglia  - 3477/2010 – che ha ritenuto illegittima la riserva totale dei posti per aprile l"accesso a un servizio consultoriale familiare ai soli non obiettori di coscienza, ridimensionandone pertanto l"accoglibilità nella misura della metà dei posti messi a bando (si vedano in proposito M. P. Iadicicco, Obiezione di coscienza all"aborto ed attività consultoriali: per il T.a.r. Puglia la presenza di medici obiettori nei consultorî familiari è irrilevante, ma non del tutto, in Giur. Cost.,  2/ 2011, 2000 ss.; S. Attolino, Obiezione di coscienza e interruzione volontaria della gravidanza: la prevalenza di un"interpretazione restrittiva, in www.statoechiese,it, 33/ 2013).

Si concentra poi sulla recente direttiva della Regione Lazio, di cui al decreto presidenziale 152 /2014,  che contiene le linee guida per la gestione del servizio consultoriale in materia.

Essa circoscrive tra l"altro il riconoscimento del diritto ad obiettare alla sola fase immediatamente connessa all"intervento abortivo (com"è del resto nella lettera della legge 194/1978, art. 9), non solo dunque non esonerando l"obiettore stesso dall"obbligo di prestare soccorso ad una donna già gestante, per l"effettuata (ovviamente non col suo intervento) interruzione della gravidanza, in seguito alla quale emergessero complicazioni sul piano della sua salute – conclusione corretta, che si evince già dalla recente giurisprudenza penale della Cassazione (VI, 11497972010), che ha confermato la condanna ex art. 328 c. p. di una dottoressa di guardia medica che, dopo un aborto farmacologico, aveva opposto la sua condizione per non prestarsi a sedare un"emorragia (fra i molti commenti, si vedano F. Grandi,  Aborto farmacologico e attività di secondamento: la disobbedienza intermittente nella dimensione dei doveri, in Rivista AiC, 4/2013; S. Marani, Medico obiettore di coscienza deve comunque assistere paziente dopo l"aborto.  Nota a  Cassazione penale, VI, sentenza 2.  4. 2013 n. 14979, in Altalex, 20 aprile 2013; V. Abu Awwad, Obiezione di coscienza e aborto farmacologico, nota a Cass. pen , VI 14979/ 2013, in Diritto penale contemporaneo,  27 giugno 2013; P. Piras, Quando volere non è potere, nota a Cass. pen., VI, 14979/ 2013, ivi, 8 gennaio 2014)  -  ma anche  (e questo è il punctum dolens che il collega critica) obbligandolo altresì al rilascio del previo documento che l"aborto autorizzi e che avviene appunto in sede consultoriale.

Mantengo aperta la discussione da lui introdotta con una breve replica, allo scopo di sottolineare un punto che mi sta a cuore, ma che soprattutto ritengo oggettivamente rilevante.

In primo luogo, però, ringrazio il mio cortese interlocutore per avere dedicato attenzione ad un tema sul quale sono effettivamente tornato più volte, seguendo gli sviluppi del fenomeno, nonché alle convinzioni che ho maturato in argomento su uno specifico punto, da lui – che pur non concorda con esse – citate .

In secondo luogo, non può che farmi piacere la circostanza che il mio nome sia  accostato nel suo discorso a quello della giovane e brillante autrice del più recente contributo monografico sul tema, Federica Grandi, il che conferma da un lato che l"obiezione di coscienza continua ad esercitare il suo fascino ad ogni nuova generazione di studiosi e dall"altro che ha una profonda verità l"intuizione di Carlo Esposito, quando – all"inizio della sua nota monografia sulla libertà di manifestazione del pensiero – osserva che proprio la creazione di un legame tra le persone, a prescindere dalle età e dalle circostanze rispettive di vita, è la ragione che spiega l"essenzialità di questo diritto e del suo riconoscimento: la tutela, oltre il tempo che passa, delle "unioni di pensiero" e della fecondità che in tale modo assume lo scambio delle idee.

Concordo più in generale sul fatto che la questione dei presupposti giuridici di legittimazione dell"aborto (mai definita o definibile una volta per tutte in un modo o nell"altro, dipendendone piuttosto il punto di equilibrio tra opposte tesi dagli sviluppi scientifici e del mutamento periodico delle sensibilità individuali e collettive) avrebbe bisogno di  una discussione finalmente pacata e laica, lontana da astratti e reciprocamente polemici furori ideologici, mentre – come diceva Charles Péguy – "navighiamo tra due schiere di preti: i preti laici, che negano l"eterno nel temporale e i preti chierici, che negano il temporale nell"eterno".

Al di là del piacere della citazione elegante, sa a mio parere appunto di fondamentalismo sia pretendere che l"aborto resti sostanzialmente libero (cioè  da non motivare in alcun caso) nelle prime dodici settimane, come accade oggi in alcuni ordinamenti europei,  sia ritenere che persino la "pillola del giorno dopo" (il cui principio attivo è il levonorgestrel, in commercio Norlevo o Levonelle, che – a seconda di quando assunta – impedisce l"ovulazione o crea un ambiente sfavorevole all"annidamento embrionale) rappresenti non solo un metodo contraccettivo di emergenza, ma uno strumento di interruzione di gravidanza, come sono convinti che sia i titolari dell"azienda statunitense Holly Lobby, vittoriosi in un recentissimo (benché non unanime) giudizio davanti alla U.S. Supreme Court, in nome dell"esercizio della libertà religiosa da parte delle organizzazioni anche imprenditoriali i cui soggetti di controllo siano impegnati personalmente nell"azienda, laddove si tratti di sottrarsi al contraceptive mandate imposto dall"Obamacare e che conduce al finanziamento (salvo appunto eccezioni) di polizze assicurative sanitarie delle dipendenti, che comprendano interventi interruttivi di gravidanza e copertura della contraccezione (si veda la scheda di L. Busatta., Burvell v. Holly Lobby, U.S. Supreme Court, 30 giugno 2014: libertà religiosa e contraccezione, in   www.biodiritto.org., in pari data).

Sono ancora e da ultimo d"accordo sulla valutazione che il nodo della questione, la sede in cui potrebbe cioè trovare collocazione una informazione consapevole ad una donna che intende interrompere la gravidanza, è in una pratica consultoriale non burocratica e in ogni caso non aggressiva, né stigmatizzante, nei confronti di chi si presenti in condizione di gestante dubbiosa, secondo un costume effettivamente aperto all"ascolto del caso e quindi dialogico senza pre-giudizio (Si vedano A. Sartea  – I. Schiralli, Aborto, consultorî e obiezione di coscienza in Iustitia, 1/ 2011, 81 ss.; S. Spinsanti, L"ascolto che guarisce. L"ascolto nelle professioni di aiuto: questione di "bon ton"? , in Medicina narrativa, 1/ 2011, 95 ss.).

La donna in procinto di assumere una decisione che resta grave, ma che in genere dipende da circostanze drammatiche, il cui peso essa sola può valutare (non solo il pericolo per la propria vita, ma il disagio – in ipotesi – perché la gravidanza nasce da una violenza sessuale avvertita come psicologicamente insostenibile, al pensiero di portare alla luce il suo pure incolpevole frutto o la consapevolezza di gravi malformazioni del feto),  potrebbe qui giovarsi di colloqui e consulenze che – senza forzarne l"autodeterminazione  -  la guidino ad una scelta che sia davvero responsabile, anche prospettandole in ipotesi soluzioni alternative a quella che intende compiere e facendola riflettere sui costi psicologici di essa; di talché a chi scrive sembra pertanto illegittimo estromettere dal servizio consultoriale operatori che siano obiettori di coscienza, purché altri di diverso orientamento siano comunque in esso presenti e purché il servizio di interruzione di gravidanza resti sul territorio accessibile a chi tenga fermo – alla fine – il proposito di usufruirne.

Se si mantiene qui un elemento di differenza dalla posizione argomentata da Curreri è per la convinzione che si possa introdurre per gli obiettori di coscienza una prestazione sostitutiva, oggi non esistente, in quanto l"aborto viene concepito dalla ratio legis come una pur dolorosa eccezione (il classico "male minore", per evitare interruzioni clandestine di gestazione, non professionalmente eseguite e magari igienicamente non protette) e la riaffermazione della vita come il recupero di un principio assiologico superiore.

S"intende dire cioè che gli obiettori stessi dovrebbero addirittura rivendicare questa soluzione (seppure non nelle forme eccessivamente gravose che costringevano in origine  - prima di Corte Cost., 470/1989, rispetto all"art. 5, c. I, della legge  772 /1972 – chi rifiutasse il servizio militare in armi al carico di ben otto mesi in più: qui Curreri ha ragione), che taluno definisce quale la loro necessaria "pazienza", come segno di distinzione perfino cercato, rispetto agli obiettanti che sono tali solo per astuzia opportunistica, che anzi talora (come ogni tanto riferiscono tuttora le cronache) sono essi stessi esecutori di aborti in clandestinità.

L"obiezione di coscienza non richiede a caratterizzarla, in linea teorica e di principio [almeno secondo chi scrive; ma esiste in proposito anche una posizione opposta, da molti ed autorevolmente argomentata: se ne vedano i riferimenti - oltre che in F. Grandi, Doveri costituzionali e obiezione di coscienza, Napoli, 2014, spec. 169 ss. - anche, ad esempio, in J. T. Martín de Agar, Problemas jurídicos de la objeción de conciencia, in Scripta Theologica, 27 (2/ 1995), 519 ss.], l"esercizio di una prestazione sostitutiva di gravosità almeno equivalente (anche se è onesto dire che la differenza è in concreto di difficile misurabilità) rispetto a quella denegata.

Essa può rendersi tuttavia necessaria in pratica, proprio per evitare abusi che "sporcano" la sincerità di motivazione dell"obiettore convinto, dal momento che non v"è altro modo davvero corretto di mettere a prova le buone intenzioni di un soggetto che quello di condizionarne dall"esterno l"esercizio, come si evince dalle disposizioni che, nella legge 198/1974 citata, prevedevano (ex artt. 3 e 4 ) il giudizio di un"apposita commissione deputata a valutare la genuinità o meno della richiesta di ammissione al "beneficio" , il cui ruolo fu giustamente assai circoscritto, riducendolo al mero controllo formale di una domanda di esclusione dall"obbligo di servizio militare, da Cons. Stato, Ad. Plen., 16/1985) e giacché – ancora – non può ammettersi in generale una deroga a un dovere costituzionalmente "coperto", ma solo al modo di adempiervi.

Per il servizio militare il problema in realtà non si pone più in modo pressante con riferimento a molti ordinamenti, attesa l"attuale recessività del modello rivoluzionario francese dei citoyens chiamati aux armes alla difesa della Patria, in favore della opposta opzione per la professionalizzazione dei corpi militari; per l"esercizio della professione medica, imposta  – fin dalle antichissime prescrizioni deontologiche ippocratiche -  oltre l"interesse personale di chi la svolge e per quello della persona da curare, la questione ha però un peso ben maggiore.

A commento della richiamata decisione del massimo organo della giustizia amministrativa, un magistrato si era interrogato sulla sorte futura della legge allora vigente che disciplinava l"obiezione di coscienza al servizio militare e che fu poi – com"è noto – riformata dalla l. 230/1998,  all"esito di una vicenda annosa, che vide perfino un Presidente della Repubblica esercitare nel 1992 una sorta di anomalo pocket veto in salsa italiana contro il nuovo testo approvato dalle Camere, pur di non promulgarla e cioè il rinvio di esso a Camere appena sciolte (ricostruisce la cronaca giornalistica della vicenda O. La Rocca, Picconata all"obiezione di coscienza,  Repubblica, 2 febbraio 2012; sul veto presidenziale negli U.S.A. e sulle sue varie articolazioni, anche alla luce delle diverse "età della Presidenza", si dispone ora in Italia del bel saggio di A. Buratti, Veti presidenziali. Presidenti e maggioranze nell"esperienza costituzionale statunitense, Roma, 2012).

Quella dottrina osservava dunque che: "Quanto agli obiettori, credo che la messa a punto in sede giuridica del loro status, in modo più rispettoso, più dignitoso, più ordinato e organizzato, sia una doverosa componente equalizzatrice del trattamento dovuto al cittadino optimo jure e non per benevolenza. Ma, se i «motivi» finissero per uscire totalmente di scena, fuori dell"attenzione della legge, spetterebbe allora proprio agli obiettori rivitalizzarli e rinfrescarli, dentro se stessi, per non esser ridotti in ranghi amorfi e indistinguibili, là dove la scelta di servizio non proviene dal capriccio o dalla convenienza, ma dal dovere che antecede il diritto" (G. Anzani, La natura giuridica dell"obiezione ed i poteri della commissione ministeriale, in Obiezione di coscienza al servizio militare. Profili giuridici e prospettive legislative, Padova, 1989, 68; l" ultimo corsivo è nostro).

Se insomma è "sventurata la terra che ha bisogno di eroi"  - come faceva dire a Galileo, mentre abiurava, Bertolt Brecht – miserevole è anche quella in cui chi opponga nobili ragioni ideali al sentire dei più non avverta l"urgenza di pagare, all"etica della propria convinzione, non si dice il "martirio" usque ad effusionem sanguinis – che nessuno vuole e può chiedere agli altri – ma perfino la più modesta e simbolica "testimonianza" (questa, com"è noto, è la traduzione dell"originale parola greca) della coerenza e della dignità che lo distingua in tale modo dagli opportunisti, dai furbi, dai frodatori.

In questi termini e per trarre dunque dal ragionamento fin qui svolto una conclusione giuridicamente operativa, quanto appena proposto appare a chi scrive un approdo equilibrato e ragionevole, che ad esempio dovrebbe imporre agli obiettori alla partecipazione all"altrui aborto che operino all"interno del servizio consultoriale familiare (i quali, come si è detto, non dovrebbero ricusare questa opportunità, o esserne da altri non ammessi o allontanati), una volta che sia riuscita vana la loro opera persuasiva pro life, di non anteporre - giacché  ubi commoda, ibi incommoda – gli imperativi della loro coscienza individuale a quelli che travagliano una donna comunque determinata – dopo avere valutato tutte le circostanze – a porre termine alla gestazione procurandosi l"aborto e dunque ad assisterla, anche se in modi non direttamente offensivi della loro sensibilità.

Obiezione di coscienza all"aborto e risposte dell"ordinamento giuridico. Una (amichevole) replica a Salvatore Curreri
Autore: Salvatore Prisco
21 luglio 2014
Tratto da Confronticostituzionali.it



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati