Legislazione e Giurisprudenza, Generalità, varie -  Santuari Alceste - 2014-09-12

PERDITE E SOCIETA PARTECIPATE – Corte Conti Puglia 141/14 – Alceste SANTUARI

La Corte dei Conti, sez. regionale di controllo per la Regione Puglia, con parere del 30 luglio 2014, n. 141, si è espressa in materia di perdite reiterate di organismi partecipati dagli enti locali ed in particolare di perdite delle fiere.

Il caso prende le mosse dalla richiesta della Provincia di Bari di conoscere, in qualità di socio della Fiera del Levante (ente pubblico autonomo avente rilievo internazionale), la fattibilità da parte dell"ente locale di un"erogazione di un contributo straordinario volto al ripianamento dei debiti pregressi dell"ente fiera.

Richiamando la disposizione contenuto nell"articolo 6, comma 19, del D. L. 31/05/2010 n. 78 convertito con modificazioni nella L. 30/07/2010 n. 122 prevede, la Sezione di controllo rimarca che agli enti locali è fatto divieto effettuare "aumenti di capitale, trasferimenti straordinari, aperture di credito, […]rilasciare garanzie a favore delle società partecipate non quotate che abbiano registrato, per tre esercizi consecutivi, perdite di esercizio ovvero che abbiano utilizzato riserve disponibili per il ripianamento di perdite anche infrannuali." Il medesimo articolo precisa che "Sono in ogni caso consentiti i trasferimenti alle società di cui al primo periodo a fronte di convenzioni, contratti di servizio o di programma relativi allo svolgimento di servizi di pubblico interesse ovvero alla realizzazione di investimenti. Al fine di salvaguardare la continuità nella prestazione di servizi di pubblico interesse, a fronte di gravi pericoli per la sicurezza pubblica, l'ordine pubblico e la sanità, su richiesta della amministrazione interessata, con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri adottato su proposta del Ministro dell'economia e delle finanze, di concerto con gli altri Ministri competenti e soggetto a registrazione della Corte dei Conti, possono essere autorizzati gli interventi di cui al primo periodo del presente comma".

La Sezione richiama altresì la deliberazione della Sezione Autonomie, n. 15/SEZ/AUT/2014/FRG depositata in data 6/06/2014 recante la relazione sugli organismi partecipati per l"esercizio 2014, nella quale si è ribadito che la normativa in parola "e' stata interpretata dalla giurisprudenza di controllo nel senso del divieto di soccorso finanziario per l'abbandono della logica del salvataggio obbligatorio degli organismi in condizioni di irrimediabile dissesto."

In una logica di tutela della concorrenza di mercato, in specie di matrice comunitaria, la normativa si è preoccupata di evitare che taluni operatori economici possano fruire di diritti speciali o esclusivi e che gli enti locali possano procedere a ricapitalizzazioni e ad altri trasferimenti straordinari per coprire le perdite strutturali.

La Sezione richiama inoltre tutte le disposizioni normative che negli ultimi anni hanno inciso sull"autonomia degli enti locali di costituire organismi partecipati e che hanno delineato un quadro di rigidi controlli sui secondi da parte dei primi (si pensi al d.l. 95/12, alla l. 147/13, nonché all"art. 23, d.l. n. 66/14).

Avuto riguardo all"Ente Fiera del Levante, la Sezione sottolinea che il TAR Puglia, con sentenza n. 2558 dell'11/11/2008, ha riconosciuto alla Fiera la qualità di organismo di diritto pubblico all'Ente Fiera, evidenziando che essa presenta molteplici indici rivelatori della dominanza pubblica (organi di nomina pubblica, finanziamenti prevalentemente pubblici, controllo pubblico sulla gestione) e che beneficia della copertura delle proprie eventuali perdite di gestione attraverso contributi dello Stato e di altri enti pubblici rimanendo indenne dal rischio di impresa.

In forza di questi "tratti distintivi", conseguentemente, la Fiera del Levante si caratterizza quale "organismo di diritto pubblico" ai sensi dell'art. 3, comma 26, del D. Lgs. 12/04/2006 n. 163. Si ricorda che il comma citato definisce "organismo di diritto pubblico" qualsiasi organismo, anche in forma societaria, istituito per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; dotato di personalità giuridica; la cui attività sia finanziata in modo maggioritario dallo Stato, dagli enti pubblici territoriali o da altri organismi di diritto pubblico oppure la cui gestione sia soggetta al controllo di questi ultimi oppure il cui organo d'amministrazione, di direzione o di vigilanza sia costituito da membri dei quali più della metà é designata dallo Stato, dagli enti pubblici territoriali o da altri organismi di diritto pubblico.

Interessante anche il richiamo della Sezione al parere n. 61 del 19 marzo 2014 dell'Autorità nazionale anti corruzione, che ha chiarito che la più recente giurisprudenza ha assegnato rilevanza non al carattere industriale o commerciale dell"attività gestionale posta in essere dall"organismo, bensì al carattere dell"interesse al cui perseguimento detta attività è teleologicamente ed istituzionalmente rivolta.

Nel caso della Fiera del Levante, i giudici contabili riconoscono che trattasi di organismo il cui "brand" e le cui ricadute territoriali "superano" le entrate commerciali connesso al corrispettivo richiesto dal gestore agli espositori.

Tuttavia, alla luce del quadro normativo e interpretativo brevemente su richiamati, la Sezione ha rilevato che, "se pure la normativa dettata dall"art. 6, comma 19, del D. L. n. 78/2010 […], è espressamente rivolta alle erogazioni effettuate dalle amministrazioni pubbliche in favore delle proprie società partecipate non quotate e quindi non contempla espressamente anche gli enti pubblici alla cui categoria deve ascriversi la Fiera del Levante, devono porsi in rilievo le caratteristiche del soggetto giuridico in senso lato "partecipato" o "fondato" dall"ente locale nonché tener conto di un"interpretazione della normativa più aderente alle finalità perseguite dal legislatore che risultano indirizzate verso una riduzione della spesa degli enti locali per i propri organismi partecipati."



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati