Changing Society, Generalità, varie -  Bedeschi Ilaria - 2013-11-08

PICCOLE DONNE CRESCONO. DAI PATTINI ALLE VUITTON – Ilaria BEDESCHI

Le ragazze della Alcott erano sorelle che rispecchiavano diversi caratteri. Diversi approcci alla vita.

Contrapposizioni alla Austen insomma.

Volevano i pattini per andare sul ghiaccio, volevano scrivere, disegnare. Erano i sogni di quando le cose che si potevano avere erano poche. Erano tutti sogni che rappresentavano il desiderio di libertà, di voglia di trovare l"uomo della vita, di essere serene. La recitazione era la voglia di essere quello che si desiderava diventare; la possibilità di uscire da una vita che non era quella che si sperava per il futuro. Ogni oggetto aveva un simbolo. Una prospettiva positiva dove di materiale c"era ben poco. Poi, certo, la Alcott aveva scritto un libro che dalla realtà prendeva solo spunto.

Ma confrontato con una qualsiasi intercettazione riportata nei quotidiani di questi giorni, è evidente la contrapposizione. Come l"orgoglio e il pregiudizio, la ragione e il sentimento in Jane Austen.

Oggi, nel sottobosco adolescenziale, quell"oggetto non rappresenta più una speranza, un desiderio, un sogno. Rappresenta una soddisfazione fugace, come fugaci gli incontri sotto le lenzuola con uomini che sono rimasti bambini. Fanno da grandi quello che non sono riusciti a fare quando erano adolescenti. Non potevano avere la più bella della classe, magari erano imbranati. Magari preferivano guardare dei giornalini. O forse, qualcuno gli aveva detto che se si fanno certe cose dio ti punisce.

E in quelle camere consumano incontri di generazioni uscite dal senso di intimità.

Indossare una Vuitton ha sostituito un paio di pattini, anche se arrugginiti.

Il corpo non diventa più il mezzo per raggiungere l"incontro con la magia, con l"intimo, con la specialità, con quelle che qualcuno chiamava le affinità elettive. Diventa invece il mezzo per un consumismo immediato che ha necessità di essere soddisfatto nuovamente in poco tempo: con un altro breve appuntamento.

E chi gli sta accanto non si accorge di nulla. Nemmeno di quel bisogno di attenzione, di un vuoto che quelle piccole donne pensano di poter riempire da sole. Con incontri nei bagni della scuola.

Bocca di rosa è ormai partita, e quello che resta oggi sono petali che cadono vicino ai marciapiedi.



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati