Legislazione e Giurisprudenza, Danni non patrimoniali, disciplina -  Redazione P&D - 2013-08-30

PRETI E STUPRI: LA DIOCESI DEVE RISARCIRE LA VITTIMA DELLA VIOLENZA – Trib. Bolzano 21/8/2013 n. 679

Ha deciso così il Tribunale di Bolzano.

500.000 euro per la vittima di abusi sessuali e 100.000 euro a ciascuno dei suoi genitori.

Il giudizio si è concluso stabilendo la responsabilità della Diocesi ex. art. 2049 c.c. per il fatto commesso dal suo vicario. Fatto che è consistito nella violenza sessuale ripetuta per cinque anni nei confronti di una minore che frequentava i luoghi clericali per le lezioni di catechismo.

Accertata la responsabilità penale del prete per abusi sessuali su minorenne, risulta responsabile in oggettivo anche la diocesi per il rapporto di "preposizione" che deve riconoscersi "ogni qualvolta le caratteristiche del rapporto siano tali da configurare l"attività del preposto come strumentale rispetto all"utilizzazione che ne fa il preponente".



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati