Changing Society, Intersezioni -  Redazione P&D - 2015-01-01

PRIMO DELL'ANNO

E' tempo di auguri...

L'augurio per il nuovo anno è, da sempre, lo stesso...

Mi viene in mente la traccia di un compito in classe alle elementari: "Ho per amico un povero".

A distanza di anni ed anni, le considerazioni che evoca, oggi, non sono poi tanto diverse da quelle di allora.

Tutti siamo poveri.

A tutti manca qualcosa. Di importante.

A chi il pane, a chi un tetto. A chi il lavoro... la pace...

La mancanza di beni materiali di prima necessità è, certo, molto grave.

Ma è forse meno grave l'assenza del calore degli affetti? della protezione della famiglia? del sostentamento dell'amore?!

Non sono anche questi bisogni primari?

Anche di più, forse.

Già allora lo credevo, e continuo a crederlo.

Anche l'augurio resta, in fondo, lo stesso di tanti anni fa:

l'augurio infantile, ingenuo e sognante della fine delle "fami" nel mondo ...e nei cuori!

Chissà che il nuovo anno...



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati