Articoli, saggi, Formazione  -  Redazione P&D - 2014-08-11

PRIMO SOCCORSO PER TUTELA DELLA COMUNITA' - Mauro MARIN

TECNICHE DI RIANIMAZIONE CARDIO-POLMONARE

Mauro Marin – Direttore Distretto Sanitario di Pordenone

I corsi di Basic Life Support (BLS) con Rianimazione CardioPolmonare (RCP) insegnano le tecniche manuali di primo soccorso per arresto cardiaco, arresto respiratorio e ostruzione delle vie aeree con esercitazioni su manichino e impiego del Defibrillatore Esterno semiAutomatico (AED) ai sensi delle leggi n.120/2001 e n.189/2012 e della circolare 16 maggio 2014 del Ministero della Salute (Circulation 2010, 122, suppl.3: S676-S684). Questa formazione va diffusa per la tutela comunitaria.

La catena della sopravvivenza nell"arresto cardiaco comprende 4 fasi la cui successione rapida è essenziale per aumentare il tasso di sopravvivenza dei pazienti critici : precoce chiamata al 118, precoce RCP, precoce defibrillazione, precoce ACLS (= Advanced Cardiac Life Support), seguite da una quinta fase intra-ospedaliera di precoce assistenza integrata post-arresto cardiaco. Per ACLS si intende la terapia cardiovascolare avanzata effettuata dal personale sanitario d"emergenza 118 e comprendente l"uso di strumenti per mantenere pervie le vie aeree (aspirazione, intubazione), sostenere la ventilazione (ossigenoterapia, ventilatori automatici), ottenere un accesso venoso per somministrare farmaci e liquidi, monitorare ritmo cardiaco e defibrillare.

La RPC ha la funzione di mantenere un minimo flusso di sangue e di ossigeno agli organi vitali (cuore e cervello) in attesa della defibrillazione. Le cause più frequente di morte improvvisa da infarto miocardico sono infatti la fibrillazione ventricolare e la tachicardia ventricolare per cui l"unico trattamento efficace è la defibrillazione precoce. Oltre 12 minuti dall"arresto senza soccorso la sopravvivenza si riduce al 2-5% dei casi. Gli arresti cardiaci possono essere conseguenza anche di cause respiratorie come in caso di asfissia, annegamento, malattie polmonari responsabili di ipossiemia e ipercapnea, ostruzione delle vie aree da corpo estraneo. Una rapida valutazione della sicurezza ambientale deve precedere l"inizio del soccorso extra-ospedaliero sul luogo, in caso di pericolo di investimento stradale, incendio, scoppio, inalazione di gas o contatto con cavi elettrici.

La procedura del basic life support (BLS) è descritta per il soccorritore singolo come una sequenza di azioni che comprendono valutazione dello stato di coscienza, chiamata al 118, esecuzione della rianimazione cardiopolmonare. Invece diventa una serie di attività contemporanee e condivise in presenza di più soccorritori: uno inizia le compressioni toraciche, un secondo chiama il 118 e cerca il defibrillatore più vicino ed un terzo apre le vie aeree e provvede alla ventilazione.

  1. Il primo atto di soccorso è valutare lo stato di coscienza chiamando il paziente a voce alta, afferrandolo alle spalle e scuotendolo delicatamente. Se il paziente risponde o si lamenta, va lasciato nella posizione in cui si trova se non vi sono pericoli ambientali, si cerca di capire l"accaduto e si chiama aiuto, mantenendo in osservazione il paziente fino all"arrivo del soccorso 118. Se il paziente non risponde e non si muove, chiama aiuto (118), poni la vittima in posizione supina a terra o su un piano rigido con allineamento di capo tronco e arti, scopri il torace per valutarne i movimenti.
  2. La perdita di coscienza rilassa la lingua che cadendo all"indietro va ad ostruire le prime vie aeree. Per ripristinare la pervietà delle vie aeree è necessaria una manovra di iperestensione del capo e sollevamento del mento oppure di sublussazione della mandibola. La manovra di iperestensione del capo non si esegue in caso di trauma cranico o/e cervicale per evitare il rischio di lesioni midollari. Solo se visibili, vanno rimossi eventuali corpi estranei in cavità orale e solo se già dislocate vanno rimosse eventuali protesi dentarie mobili.
  3. La valutazione dell"attività respiratoria si effettua avvicinando l"orecchio del soccorritore alla bocca/naso del paziente e Guardando in tale posizione se il torace del paziente si espande per la respirazione spontanea normale, Ascoltando se dalla bocca/naso vengono emessi rumori respiratori, Sentendo sulla guancia del soccorritore l"eventuale flusso d"aria espirato dal paziente. Queste tre azioni sono riassunte con l"acronimo (GAS = guardo, ascolto, sento) e vanno eseguite entro 10 secondi. In assenza di un respiro normale o in presenza di un respiro agonico boccheggiante inefficace (detto gasping), si deve iniziare subito la RCP con le compressioni toraciche. Quando l"arresto è di verosimile origine respiratoria, ad esempio in caso di annegamento con paziente incosciente-apnoico, il soccorritore singolo può far precedere le compressioni toraciche (eseguibili solo su superficie rigida a terra ferma o in barca) da 10-15 ventilazioni effettuate entro un minuto ancora in acqua. Se invece il paziente è incosciente, ma respira normalmente, bisogna metterlo in posizione di sicurezza. La posizione di sicurezza a terra ha la funzione di mantenere pervie le vie aeree in pazienti privi di coscienza ma con respirazione spontanea efficace e circolo efficace con polso rilevabile. Vi sono diverse posizioni di sicurezza: ad esempio, si fa ruotare "a blocco unico" il paziente sul fianco destro, posizionandogli l"arto superiore sinistro esteso con gomito flesso e mano sin sotto la guancia e l"arto inferiore destro con ginocchio flesso ad angolo retto per mantenere la posizione ed evitare il rotolamento.

4)La valutazione dell"attività cardiocircolatoria si attua mediante il controllo visivo della presenza nel paziente di segni vitali quali movimenti spontanei, respiro spontaneo, tosse, reattività agli stimoli e mediante la palpazione del polso carotideo per non oltre 10 secondi. Se non si rileva il polso carotideo e segni vitali, quando il soccorritore è solo deve chiamare il 118 col telefono cellulare e iniziare subito la sequenza ripetuta di 30 compressioni toraciche sternali (frequenza di almeno 100 al minuto) alternate a 2 ventilazioni della durata di 1 secondo ciascuna impiegando non oltre 5 secondi per eseguire entrambe le ventilazioni.

Il soccorritore non deve dedicare più di 10 secondi alla ricerca del polso, se non rileva il polso deve iniziare comunque la RCP e utilizzare il defibrillatore appena possibile. Una RCP corretta prevede compressioni di frequenza (almeno 100/m) e profondità (almeno 5 cm) adeguate, retrazione toracica completa dopo ogni compressione, precoce inizio delle compressioni e riduzione al minimo delle interruzioni delle compressioni, esclusione di una ventilazione eccessiva. La rianimazione con le sole compressioni toraciche può essere efficace anche se i soccorritori sono riluttanti ad eseguire le ventilazioni bocca-bocca in assenza di strumenti di barriera protettivi da eventuale contagio infettivo. Le compressioni toraciche possono causare fratture costali la cui frequenza può essere ridotta mantenendo nella RCP una corretta posizione delle mani sovrapposte sulla metà inferiore dello sterno, un centimetro sotto la linea inter-mammaria tra i due capezzoli, ed esercitando con le braccia estese una pressione verticale e perpendicolare al piano dello sterno. Il soccorritore deve porsi inginocchiato al lato del paziente con le ginocchia all"altezza del torace del paziente, spalle e braccia estese verticali sul punto di compressione sternale ove si pone il palmo delle mani sovrapposte.

La sequenza per il soccorritore singolo è riportata in tabella 1.

Tabella 1 : Basic Life Support (BLS) Il soccorritore si mette di fianco al lato del paziente e lo posiziona supino, disteso su una superficie piatta e rigida

E" cosciente ? Chiamalo a voce alta e scuotilo toccandogli le spalle

Se è incosciente ma respira, metterlo in posizione di sicurezza.

Chiama il 118 (in futuro sarà sostituito dal 112 )

  1. Airway : Le vie aeree sono aperte ?

Apertura vie aeree : iperestendi il capo premendo col palmo della mano la fronte del paziente e sollevagli il mento con le dita dell"altra mano posta sulle parti ossee mediali della mandibola, aprigli la bocca e rimuovigli con due dita ad uncino eventuale vomito o corpo estraneo ma solo se è già visibile nel cavo orale.

  1. Breathing : Respira ?

Una rapida valutazione si effettua secondo lo schema GAS (posizionato l"orecchio del soccorritore vicino alla bocca del paziente, Guarda se il torace si espande, Senti il flusso d"aria espiratoria, Ascolta il rumore dell"aria nell"espirazione). Non respira se il torace non si espande e non viene emessa aria. Il debole respiro agonico boccheggiante (detto gasping) va valutato come mancanza di respiro : iniziare la RCP.

Circulation : Ha polso ?

Rapida ricerca del polso (entro 10 secondi): ricerca il polso carotideo o i segni di circolo ( respiro spontaneo, tosse e movimenti spontanei).

In assenza di polso, Inizia il massaggio cardiaco alla frequenza di almeno 100 compressioni sternali/minuto(non oltre 120/m, circa 2/sec) col ritmo di 30 compressioni alternate a 2 ventilazioni.

D) Defibrillazione : se sono assenti polso, respiro e stato di coscienza, appena disponibile accendi il defibrillatore, collega cavi e piastre sul torace, il defibrillatore analizza il ritmo in 8-10 secondi e segnala la necessità di premere il pulsante di shock in presenza di fibrillazione ventricolare per attivare la scarica di defibrillazione. Allontana i presenti prima di attivare la scarica. Gli elettrodi adesivi del defibrillatore vanno posti sul torace, uno sotto la clavicola destra e l"altro in regione sottomammaria sinistra sulla linea ascellare anteriore.

Il soccorritore dovrebbe inspirare profondamente prima di effettuare ogni insufflazione mediante respirazione bocca-bocca, allo scopo di assicurare la massima concentrazione di ossigeno nell"aria espirata.

Un"insufflazione troppo rapida o un elevato volume corrente dell"insufflazione possono deviare l"aria nell"esofago determinando distensione gastrica che spesso causa rigurgito e vomito. La pressione sulla cricoide nel paziente incosciente (manovra di Sellick) può prevenire la distensione gastrica ma richiede la presenza di due soccorritori. In caso di rigurgito il soccorritore deve ruotare il corpo del paziente su un lato, pulire il cavo orale per mantenere pervie le vie aeree e riposizionare il paziente supino per riprendere la RCP.

Se il defibrillatore semiautomatico dopo l"analisi del ritmo indica che lo shock elettrico non è indicato o se lo shock eseguito è risultato inefficace, si riprende subito la RCP per 2 minuti con 30 compressioni alternate a 2 ventilazioni e poi si ripete l"analisi del ritmo per un secondo tentativo di defibrillazione ed eventualmente dopo altri 2 minuti di RCP un terzo.

Le manovre di BLS devono essere continuate fino all"arrivo dei soccorritori professionisti del 118 o fino all"esaurimento fisico dei soccorritori o fino al riscontro di segni di vita.

L"OSTRUZIONE DELLE VIE AEREE

L"ostruzione delle vie aeree superiori può essere dovuta a tre cause differenti che richiedono trattamenti diversi : ipotonia linguale da perdita di coscienza, edema della glottide e corpo estraneo.

Il paziente cosciente che sta soffocando spesso si porta le mani al collo stringendolo tra indice e pollice e può presentare : afonia, dispnea, stridore inspiratorio, tosse debole, cianosi e poi infine perdita di coscienza. Bisogna chiedergli se si sente soffocare e se può parlare. Se riesce a parlare o tossire, l"ostruzione è solo parziale.

1) La più comune causa di ostruzione completa delle vie aeree superiori nel paziente incosciente supino è la caduta all"indietro della lingua ipotonica nel faringe, come in caso di perdita di coscienza da ictus, arresto cardiaco, trauma cranico, shock elettrico. La perdita di coscienza precede l"arresto respiratorio e l"ostruzione si tratta mediante la manovra di iperestensione del capo e sollevamento del mento oppure mediante sub-lussazione della mandibola in caso di trauma in cui l"iperestensione del capo è controindicata per il rischio di lesioni midollari.

2) L" ostruzione da edema della glottide può essere causata da allergie, asma bronchiale o infezioni, si manifesta con senso di soffocamento, dispnea seguita da cianosi e perdita di coscienza. Richiede la pronta somministrazione di adrenalina o/e la tracheotomia d"urgenza.

3) L"ostruzione delle vie aeree da corpo estraneo negli adulti si verifica di solito durante i pasti e si manifesta con un"improvvisa dispnea, seguita da cianosi e perdita di coscienza. Se il paziente può tossire con forza e parlare significa che l"ostruzione è parziale e non si deve intervenire tranne che invitando il paziente a tossire : un forte colpo di tosse è il modo più efficace di rimuovere un corpo estraneo in questi casi.

Se l"ostruzione delle vie aeree è completa il paziente non riesce a parlare, tossire e respirare e va incontro a sincope e arresto cardio-respiratorio.

In questo caso se la vittima è ancora cosciente, bisogna iniziare praticargli 5 percussioni sulla schiena per favorire l"espulsione del corpo estraneo, mantenendo il paziente inclinato in avanti e sostenuto con una mano sul torace posizionando il soccorritore a lato del paziente.

Anche una brusca spinta addominale sottodiaframmatica può forzare l"uscita dell"aria dai polmoni e produrre una tosse capace di espellere il corpo estraneo dalla via aerea, come nella manovra di Heimlich.

Manovra di Heimlich con paziente in piedi o seduto : il soccorritore si pone dietro il paziente e con le braccia gli avvolge la vita schiacciando la propria mano chiusa a pugno col pollice verso l"addome del paziente in regione mesogastrica sulla linea mediana appena sopra l"ombelico del paziente. Con l"altra mano il soccorritore afferra il proprio pugno ed esercita con forza una spinta verso l"alto contro l"addome del paziente. Le spinte vanno ripetute fino a che il corpo estraneo non venga espulso dalle vie aeree del paziente.

Se invece la vittima ha perso coscienza ed è distesa a terra, il soccorritore sospetta un"ostruzione delle vie aeree da corpo estraneo quando le ventilazioni di soccorso ripetutamente non determinano l"attesa espansione del torace del paziente. In questo caso bisogna :

  1. di nuovo, iperestendere il capo e sollevare il mento
  2. aprire la bocca, ispezionare il cavo orale, rimuovere eventuali corpi estranei visibili e provare di nuovo a ventilare .
  3. se il torace non si espande ancora, eseguire la manovra di Heimlich con paziente disteso a terra per rimuovere eventuali corpi estranei nelle vie aeree non visibili nel cavo orale.

Manovra di Heimlich con paziente disteso a terra : con paziente supino, si posiziona il palmo delle mani sovrapposte sopra l"ombelico del paziente e si eseguono veloci spinte addominali verso il diaframma in direzione mediana, con lo scopo di rimuovere l"ostruzione delle vie aeree.



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati