Legislazione e Giurisprudenza, Generalità, varie -  Santuari Alceste - 2016-09-08

Pubblicato oggi il TU sulle società partecipate: alcune note – Alceste Santuari

Dopo aver completato l"iter legislativo previsto, nella G.U. n. 210 dell"8 settembre 2016, è stato pubblicato il Testo unico in materia di società a partecipazione pubblica (d. lgs. 19 agosto 2016, n. 175). Di seguito, soltanto alcune note di prima lettura

Entrerà in vigore il prossimo 23 settembre il T.U. sulle società pubbliche pubblicato oggi sulla G.U. n. 210. Rinviando ad altri contributi per maggiori approfondimenti, in questa sede, interessa segnalare che le disposizioni contenute nel T.U. contribuiscono, almeno in parte, a fare un po" di chiarezza nel complesso, articolo e spesso contradditorio ambiente delle società a partecipazione pubblica.

In questo senso, l"oggetto del decreto di cui all"art. 1 indica che restano ferme, per esempio, le norme riguardanti la partecipazione degli enti locali a enti associativi diversi dalle società e alle fondazioni, che, in specie nella loro veste "associativa o di partecipazione", rappresentano un mondo significativo delle "partecipazioni" dell"ente locale.

L"art. 2 ha poi il pregio, inter alia, di identificare cosa si debba intendere per controllo analogo congiunto, definito richiamando quanto già disposto nell"art. 5, comma 5 del nuovo codice dei contratti pubblici (d. lgs. n. 50/2016). Ai sensi di questa disposizione, il controllo analogo congiunto si ha quando a) gli organi della persona giuridica controllata sono composti da rappresentanti di tutte le P.A. aggiudicatrici o enti aggiudicatori partecipanti. Ma anche singoli rappresentanti possono rappresentare varie o tutte le P.A. sopra citate; b) le P.A. aggiudicatrici o gli enti aggiudicatori devono essere in grado di esercitare congiuntamente un"influenza determinante sugli obiettivi strategici e sulle decisioni significative della società controllata; c) quest"ultima non deve perseguire interessi contrari a quelli delle P.A. controllanti.

L"art. 3 del d. lgs. 175/16 individua i tipi di società in cui è ammessa la partecipazione pubblica: tra questi sono annoverate esclusivamente le forme societarie, comprese quelle consortili e cooperative. Nella srl gli statuti devono prevedere obbligatoriamente (fino ad oggi non era così) la nomina dell"organo di controllo o di un revisore dei conti. Nelle spa, invece, la revisione legale dei conti non può essere affidata al collegio sindacale.

L"art. 4, comma 1 impedisce alle P.A. di costituire, direttamente o indirettamente, società aventi per oggetto attività di produzione di beni e servizi che non siano strettamente necessarie per il perseguimento delle proprie finalità istituzionali, né acquisire o mantenere partecipazioni, anche di minoranza, in tali società. Trattasi di una previsione di non poco conto, se solo si pone mente alla necessaria "revisione" che gli enti locali dovranno operare in ordine alle proprie partecipazioni, che, in ossequio alla previsione del comma citato, dovranno giustificarsi in ragione di quanto stabilito nel comma 2 del medesimo art. 4, di cui, ci occuperemo in un altro contributo.



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati