Legislazione e Giurisprudenza, Generalità, varie -  Gasparre Annalisa - 2016-03-09

RELAZIONI: AGGRESSIVITA + INDIFFERENZA = GRAVI INDIZI DI MALTRATTAMENTI – Cass. pen. 6766/16 - A.G.

Il reato di maltrattamenti sussiste anche se le condotte violente sono alternate da periodi di "calma apparente".

Per i giudici sono gravi gli indizi a carico dell"uomo accusato di maltrattamenti nei confronti della compagna. Il compendio indiziario è composto dalle dichiarazioni della donna corroborate da un certificato medico e da una relazione psicologica che attestano violenze fisiche e psichiche.

In particolare i maltrattamenti messi in atto dall"indagato consistevano in minacce di morte, aggressioni verbali, intimidazioni, condotte violente.

La vittima ha vissuto un incubo all"interno delle mura domestiche, dovendo affrontare paura e insicurezza con ripercussioni anche sul piano fisico (trauma contusivo mandibolare, mal di testa, insonnia, inappetenza).

Pure i precedenti dell"uomo confermano la propensione alla violenza e il disprezzo per le regole del vivere civile.

Queste le ragioni che hanno indotto i giudici, prima della sentenza di merito, a disporre e confermare la misura cautelare degli arresti domiciliari (presso l"abitazione della sorella) con il presidio del braccialetto elettronico.

Corte di Cassazione, sez. VI Penale, sentenza 22 dicembre 2015 – 19 febbraio 2016, n. 6766
Presidente Conti – Relatore Fidelbo

Ritenuto in fatto

1. Con l'ordinanza indicata in epigrafe il Tribunale di Bologna, decidendo sull'istanza di riesame proposta nell'interesse di G.G., indagato del reato di cui all'art. 572 c.p., ha confermato il provvedimento dei 24 luglio 2015 con cui il G.i.p. del Tribunale di Ravenna aveva disposto la misura della custodia in carcere, sostituita con gli arresti domiciliari con ordinanza del 3 agosto 2015.
I giudici del riesame hanno ritenuto sussistenti i gravi indizi per i maltrattamenti cui sarebbe stata sottoposta la convivente, I.M., le cui dichiarazioni sono state ritenute attendibili; inoltre, hanno considerato esistente il gravissimo pericolo di reiterazione dei reato, desunto dalla condotta minacciosa e intimidatoria posta in essere reiteratamente dal G. nei confronti della M..
2. L'avvocato C.B., nell'interesse dell'indagato, ha proposto ricorso per cassazione.
Con il primo motivo ha dedotto l'erronea applicazione della legge riguardo alla ritenuta sussistenza dei gravi indizi di colpevolezza, in quanto basati sulle sole dichiarazioni della persona offesa; inoltre, ha contestato la motivazione dell'ordinanza con riferimento agli episodi presi in considerazione per desumere l'esistenza dei maltrattamenti.
Con il secondo motivo ha censurato la ritenuta sussistenza delle esigenze cautelari.

Considerato in diritto

1. II ricorso è infondato.
2. L'ordinanza impugnata ha ritenuto sussistenti i gravi indizi a carico dell'indagato per il reato di maltrattamenti sulla base delle dichiarazioni della persona offesa, ritenute "pienamente attendibili", in quanto le varie denunce sono state puntualmente ribadite nelle sommarie informazioni rese alla polizia giudiziaria considerate dal Tribunale "dettagliate, costanti e coerenti", peraltro riscontrate dal referto ospedaliero del 13.6.2015, in cui risulta diagnosticato alla M. un trauma contusivo mandibolare, dalla relazione psicologica dei 19.6.2015 nonché dalle dichiarazioni della dottoressa M. M. e dalla madre della persona offesa. Da questo complesso probatorio i giudici del riesame hanno desunto la sussistenza dei gravi indizi relativi ai maltrattamenti posti in essere dal G. nei confronti della convivente, maltrattamenti consistiti in continue minacce di morte, aggressioni verbali e intimidazioni continue oltre che in condotte violente, comportamenti in grado di aver determinato nella persona offesa una situazione di permanente paura e insicurezza, con ripercussioni anche sul piano fisico, così come evidenziato nella relazione della dottoressa M., che ha ricondotto i mal di testa, l'insonnia e l'inappetenza agli eventi violenti verificatisi in ambito domestico.
Si tratta di una serie di elementi che, allo stato, giustificano la configurabilità dei reato di cui all'art. 572 cod. pen., da ritenersi integrato anche quando le sistematiche condotte violente e sopraffattrici non realizzano l'unico registro comunicativo con la persona offesa ma, come nel caso in esame, sono intervallate da condotte prive di tali connotazioni, poiché le ripetute manifestazioni di mancanza di rispetto e di aggressività conservano il loro connotato di disvalore in ragione del loro stabile prolungarsi nel tempo.
3. Infondato anche il motivo con cui il ricorrente censura l'ordinanza in relazione alle ritenute esigenze cautelare, in quanto sul punto il Tribunale ha motivato in maniera coerente e logica, mettendo in rilievo il pericolo concreto e attuale di reiterazione dei reato, desumibile dalla gravità delle condotte poste in essere dall'indagato, nonché dall'indole notevolmente aggressiva e dai precedenti penali che confermano la sua "propensione alla violenza" e il "disprezzo per le regole del vivere civile". Condizioni che, per il Tribunale, hanno giustificato l'applicazione della misura degli arresti domiciliari con il presidio del c.d. braccialetto elettronico, presso l'abitazione della sorella, in modo da salvaguardare anche la sicurezza della persona offesa.
4. In conclusione il ricorso deve essere rigettato, con la condanna del ricorrente al pagamento delle spese processuali.

P.Q.M.

Rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali.



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati