Legislazione e Giurisprudenza, Responsabilità oggettiva, semioggettiva -  Mazzon Riccardo - 2015-05-22

RESPONSABILITA' DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: UNIVERSITA', ASL, STRADE, INPS E CARCERI - Riccardo MAZZON

non vi è alcun ostacolo all'applicabilità integrale dell'art. 2049 del codice civile alla Pubblica Amministrazione

ambito sanitario, anche per inadempimento della prestazione medico-professionale svolta direttamente dal sanitario quale ausiliario necessario; enti sportivi; comunicazione

professori universitari, errore diagnostico, manutenzione delle strade, detenuti, dipendente Inps, istituto penitenziario, natura vicaria della responsabilità civile dell'ente pubblico

Si confrontino, in argomento (cfr., amplius, capitolo sedicesimo del volume "Responsabilita' oggettiva e semioggettiva", Riccardo Mazzon, Utet, Torino 2012), le seguenti pronunce, in ambito di tutela dei professori universitari,

"la p.a. ha l'obbligo (sia contrattuale ai sensi degli artt. 2087 e 1228 c.c., che extracontrattuale ai sensi degli artt. 2043 e 2049 c.c.) di adottare ogni utile provvedimento volto ad impedire la lesione del diritto alla professionalità dei propri dipendenti professori universitari. L'inadempimento di tale obbligo determina responsabilità risarcitoria" (T.A.R. Campania Napoli, sez. II, 18 gennaio 2006, n. 704, FATAR, 2006, 1, 276),

errore diagnostico (nella specie, la Corte ha ritenuto che correttamente fosse stata esclusa la responsabilità civile di un'Asl, relativamente al reato di omicidio colposo per grave errore diagnostico, addebitato ad un pediatra con essa convenzionato),

"la p.a. può essere chiamata a rispondere civilmente, ai sensi dell'art. 2049 c.c., dei fatti illeciti di natura colposa posti in essere non da soggetti legati ad essa da un rapporto di immedesimazione organica, quale si realizza nel pubblico impiego o nelle cariche elettive (nel qual caso la responsabilità sarebbe di natura diretta), ma da soggetti la cui posizione sia assimilabile a quella dei preposti, cui si riferisce il citato art. 2049 c.c., e sia quindi caratterizzata dalla esistenza di poteri di vigilanza e di controllo da parte della stessa p.a.; condizione, questa, che non si realizza, però, nel caso dei medici c.d. "di base" e dei pediatri in regime di convenzione con le aziende sanitarie locali, relativamente al contenuto ed al merito delle loro prestazioni professionali, su cui le predette aziende non sono in grado di esercitare alcun potere di vigilanza e controllo" (Cass. pen., sez. IV, 16 aprile 2003, n. 34460, Barone e altro, RP, 2003, 966),

manutenzione delle strade,

"pur essendo tenuta alla manutenzione delle strade da lei gestite, non si ritiene per lo più applicabile alla p.a. la presunzione prevista dall'art. 2051 c.c. e, quindi, i danni riportati da un ciclomotorista minorenne che ha perduto il controllo del mezzo, cadendo al suolo, debbono essere risarciti a sensi dell'art. 2043 c.c. La mancanza di segnalazione e di evidenza della situazione anomala e pericolosa del fondo stradale costituisce "insidia" ed è quindi fonte di responsabilità della p.a. Tale responsabilità non può essere" scaricata" sull'appaltatore dei lavori - su esso gravano gli stessi doveri dell'Ente gestore della strada - per il ché dovrà invece essere ritenuto, con lui, corresponsabile solidale a sensi degli art. 2049 e 2055 c.c." (Trib. Milano 27 gennaio 2003, GiustM, 2003, 3),

detenuto ucciso dai compagni di carcere,

"qualora siano state violate le norme in materia di ordinamento penitenziario o comunque la vigilanza sui reclusi si sia rivelata insufficiente, il ministero di grazia e giustizia è responsabile, ai sensi degli art. 2049 e 2059 c.c., anche in riferimento all'art. 28 cost., per il danno patrimoniale e non patrimoniale sofferto dai congiunti di un detenuto in attesa di giudizio ucciso dai compagni di carcere" (Trib. Firenze 4 giugno 1992, RCP, 1992, 609),

responsabilità di dipendente Inps,

"ai sensi dell'art. 2049 c.c. la p.a. è direttamente responsabile per fatti illeciti dei propri dipendenti purché sussista un nesso di causalità obiettiva tra il comportamento colpevole del dipendente e l'evento dannoso ed il fatto del dipendente sia riferibile all'amministrazione (tale nesso non è ravvisabile nel suggerimento dato da un funzionario dell'INPS di sovrassedere all'inoltro della domanda della pensione di anzianità stante la oggettiva incertezza della normativa comunitaria e statuale e le trattative in corso)" (Pret. Varese 4 marzo 1987, Ipr, 1987, 1754),

fatto del medico che operi in un istituto penitenziario,

"il ministero di grazia e giustizia risponde a titolo di responsabilità diretta del fatto del medico che operi in un istituto penitenziario non appartenendo ai ruoli organici dell'amministrazione (c.d. medico incaricato), poiché condizione necessaria e sufficiente per l'imputazione della condotta dell'agente è la sussistenza di un rapporto di dipendenza, o comunque di un rapporto che legittimi l'esercizio delle funzioni affidate" (Cass. pen., sez. IV, 19 dicembre 1979, Rocco e altro, FI, 1981, II,145),

natura vicaria della responsabilità civile dell'ente pubblico, in ossequio alla quale è stato affermato come la responsabilità civile dell'ente pubblico, per il fatto delittuoso commesso dal dipendente, che abbia dolosamente agito abusando delle sue funzioni, ma pur sempre nell'esercizio della attività demandatagli, produttivo di danno per la persona offesa, sia di natura "vicaria" e vada inquadrata nell'ambito di quella indiretta del committente prevista dall'art. 2049 c.c.:

"derivandone che, per effetto del disposto dell'art. 2055 dello stesso codice, nella ipotesi in cui il pubblico ufficiale abbia commesso il reato in concorso con altri estranei all'ente stesso, l'unicità dell'evento prodotto determina la solidarietà passiva non solo tra ente e dipendente, ma fra tutti i soggetti, compreso il primo, obbligati verso il danneggiato" (Cass. pen., sez. VI, 27 aprile 1992, Longo, CP, 1993, 1422; GI, 1993, 002, 608).



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati