Legislazione e Giurisprudenza, Persone con disabilità -  Redazione P&D - 2014-03-16

RETE FERROVIARIA ITALIANA CONDANNATA PER DISCRIMINAZIONE - Trib. Reggio Calabria Ord. 7/2/2014

Ordinanza emessa dal Tribunale di Reggio Calabria il 7 febbraio 2014 a conclusione di un ricorso per discriminazione ( ex lege 67/2006).

Rete Ferroviaria Italiana ( la responsabile della condizione delle stazioni e della infrastruttura ferroviaria del gruppo FS) è stata ritenuta responsabile di discriminazione in danno di un passeggero disabile che è rimasto bloccato all'interno di una stazione secondaria a causa di un ascensore non funzionante.

Uno stralcio del provvedimento:

"E' pacifico che il ricorrente, sceso dal treno fermatosi al terzo binario, è poi rimasto bloccato, non potendo, come tutti gli altri passeggeri, raggiungere l'uscita della Stazione Fiera di Roma attraverso le scale.

E' altrettanto pacifico che l'ascensore, pur presente, non fosse funzionante o comunque utilizzabile.

Di conseguenza il ricorrente è stato costretto a prendere altro treno per tornare indietro alla Stazione Nomentana.

E' evidente, dunque, che il ricorrente ha vissuto una situazione di disagio e di svantaggio, in quanto impossibilitato ad usufruire del servizio di trasporto pubblico.

Tale situazione ha comportato una lesione del principio, costituzionalmente garantito, di uguaglianza, concretizzandosi in una forma di discriminazione.

Alla luce delle superiori considerazioni la richiesta di risarcimento del danno non patrimoniale è pertanto fondata, stante i disagi patiti".



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati