Articoli, saggi, Filiazione, potestà, tutela -  Redazione P&D - 2014-10-22

RICONOSCIMENTO DELLE ADOZIONI OMOPARENTALI NELL'ORDINAMENTO ITALIANO - Giulia ROSSOLILLO

L"ordinamento italiano è uno dei pochi in Europa a non prevedere alcuna disciplina delle unioni tra persone dello stesso sesso, e a negare il riconoscimento alle unioni di questo genere registrate all"estero. La mancata previsione di una disciplina delle unioni omosessuali comporta necessariamente che l"adozione sia aperta solo alle coppie eterosessuali, dal momento che all"adozione sono ammesse solo coppie legate dal vincolo matrimoniale.

È tuttavia dificile giustiicare il mancato riconoscimento in Italia di adozioni omoparentali decise all"estero: in tali ipotesi, infatti, a venire in gioco non è esclusivamente l"interesse dei partners dello stesso sesso, bensì un ruolo di importanza fondamentale è giocato dal principio della tutela del superiore interesse del minore, che in caso di mancato riconoscimento del vincolo di adozione verrebbe fortemente pregiudicato.

La dichiarazione di illegittimità costituzionale degli artt. 2 e 4 della legge 164 del 1982, relativi alla cessazione automatica degli effetti civili del matrimonio in caso di cambiamento di sesso di uno dei coniugi, pone nuovamente al centro del dibattito la questione dell"introduzione nell"ordinamento italiano di forme di unione tra persone dello stesso sesso.

Come sottolineato dalla Corte costituzionale, in effetti, non essendo possibile, mediante una pronuncia manipolativa, sostituire il divorzio automatico con un divorzio a domanda «poiché ciò equivarrebbe a rendere possibile il perdurare del vincolo matrimoniale tra soggetti del medesimo sesso, in contrasto con l"art. 29 Cost.», «sarà ... compito del legislatore  introdurre una forma alternativa (e diversa dal matrimonio) che consenta ai due coniugi di evitare il passaggio da uno stato di massima protezione giuridica ad una condizione, su tal piano, di assoluta indeterminatezza. E tal compito il legislatore è chiamato ad assolvere con la massima sollecitudine per superare la rilevata condizione di illegittimità della disciplina in esame per il profilo dell"attuale deicit di tutela dei diritti dei soggetti in essa coinvolti».

[...]

SPUNTI IN TEMA DI RICONOSCIMENTO DI ADOZIONI OMOPARENTALI NELL"ORDINAMENTO ITALIANO

Giulia Rossolillo

Tratto da

Cuadernos de Derecho Transnacional (Octubre 2014), Vol. 6, Nº 2, pp. 245-254



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati