Legislazione e Giurisprudenza, Ingiustizia, cause di giustificazione -  Redazione P&D - 2014-01-22

RISARCIBILE IL DANNO DA PERDITA DELL'ANIMALE D'AFFEZIONE - Trib. Firenze, 14.6.2013 - Elisa SERANI

Il diritto a ottenere il risarcimento del danno non patrimoniale conseguente alla perdita del proprio animale d"affezione è stato nuovamente affermato, senza incertezze, dal Tribunale di Firenze, sez. II, sent. 14 giugno 2013.

Come noto, le celebri sentenze a Sezioni Unite del 2008, indicavano la perdita dell"animale d"affezione quale esempio di risibile prospettazione del pregiudizio non patrimoniale tale, per questo, da non meritare alcun ristoro.

Tale affermazione ha rappresentato, per la giurisprudenza successiva, un vero e proprio crocevia, decretando la nascita di due opposti orientamenti, l"uno negativista e l"altro possibilista.

La sentenza in esame si colloca all"interno di quell"indirizzo che ammette la risarcibilità della sofferenza cagionata al padrone per il fatto di essere stato privato dell"affetto accordato da e al proprio animale.

L"aspetto di maggior rilievo che emerge da questa pronuncia, tuttavia, non appare tanto il riconoscimento della ristorabilità del pregiudizio [1] quanto, piuttosto, il fatto che il Giudice abbia concesso il risarcimento senza neppure argomentarne l"an, dando per scontata la piena ammissibilità del ristoro di un danno di tal sorta.

Viene dunque spontaneo chiedersi, a questo punto, se la ristorabilità del danno da perdita dell"animale d"affezione abbia raggiunto, nella giurisprudenza di merito, un grado di penetrazione tale, da non meritare più neppure una breve motivazione circa la possibilità di concederne o meno il ristoro, dando ormai per scontata la riconducibilità dell"affezione verso il proprio animale ad una posizione inviolabile della persona costituzionalmente garantita.

[1] A questo, del resto, ci avevano già abituato altre corti, si pensi ad esempio a: G.d.P. di Dolo, 8 ottobre 2012; G.d.P. Palermo 9 febbraio 2010; Tribunale di Rovereto 1ottobre 2009; Tribunale di Monopoli 22 novembre 2011

Tratto da http://www.lider-lab.sssup.it/lider/it/odp/in-evidenza/452-la-perdita-dellanimale-daffezione-segna-un-nuovo-punto-sul-campo-della-risarcibilita.html



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati