Legislazione e Giurisprudenza, Risarcimento, reintegrazione -  Redazione P&D - 2013-09-25

RISARCIMENTO ULTRAMASSIMALE AL MACROLESO – Trib.Milano n. 5547/13 – Carla CASTAGNETO

Il caso riguarda un indennizzo di un macroleso-trasportato.

La sentenza appare innovativa per diverse questioni tra cui:

-la quantificazione del danno da spese future (non forfettizzata ma effettuata tenendo conto dell'effettivo costo ipotizzabile) riconoscendo così un effettivo risarcimento per la vittima;

-la personalizzazione del danno in ragione della gravità della lesione e dell'età del leso nonchè la quantificazione massima del danno riflesso ai parenti;

-la condanna della compagnia assicuratrice del veicolo vettore ultramassimale per mala gestio per il complessivo importo della condanna e quindi ben oltre il massimale di 2,5 milioni;

-la negazione del concorso di colpa del trasportato pur essendo il conducente risultato positivo al controllo alcol test;

La pronuncia, quindi, riconosce un giusto risarcimento in un caso di lesioni gravissime subite da soggetto in giovane età.



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati