Legislazione e Giurisprudenza, Procedura penale -  Redazione P&D - 2013-07-30

RITO ABBREVIATO E RINNOVAZIONE PROBATORIA IN APPELLO - Cass. Pen. 26 luglio 2013, n. 32762

In un caso che pare paradigmatico, la Corte di cassazione adita, ha riaffermato l'orientamento maggioritario secondo il quale, nel giudizio di appello instauratosi a seguito di giudizio abbreviato, l'imputato, di norma, non ha un diritto all'ampliamento della piattaforma cognitiva, rispetto a quella cui, a suo tempo, ha volontariamente ha prestato adesione e che, in alcune ipotesi specificatamente individuate (quali l'ammissione dei nova necessari e non a carico, su richiesta dello stesso imputato) quest'ultimo rimane escluso dall'ammissione alla c. d. controprova ex art. 495 co. 2 c.p.p. . (c.c.)



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati