Legislazione e Giurisprudenza, Procedura penale -  Giovanni Sollazzo - 2016-04-15

Scelta la via del processo penale: l'azione civile ne è soggetta alla disciplina -Cass. pen. 15646/16- Carol Comand

Per giudicare, è necessario essere muniti dei relativi poteri

A seguito di sentenza assolutoria, la parte civile può proporre impugnazione contro la sentenza di proscioglimento pronunciata nel giudizio, ai soli effetti delle responsabilità civile e, in assenza di impugnazione da parte del pubblico ministero, il giudizio di appello rimane soggetto a tali  limitazioni.

Questo è quanto si ribadisce in Cass. pen. 15646/16, pronuncia nella quale si ritiene, dunque, che il giudice dell'impugnazione, adito dalla sola parte civile ed in mancanza di appello del pubblico ministero, non avrebbe potuto affermare la responsabilità dell'imputato, irrogando la relativa sanzione penale.

Se queste sono le circostanze nelle quali il giudice è chiamato a decidere, pare dunque che egli non possa assumere autonome determinazioni in ordine alla lesione ovvero al pericolo di lesione del bene giuridico tutelato dalla norma penale violata e che, quindi, sotto questo aspetto, rimanga anch'egli assogettatto alla regola spesso invocata - quanto meno in passato -, in dottrina, dell'"electa una via non datur recursus ad alteram".

Se queste, in rito, paiono delle semplici considerazioni, pare altresì che che non sia possibile rivendicare la mancata carenza di un potere diverso in capo al giudicante per  quanto  riguarda le  statuizioni  di cui è investito, ai soli effetti civili.

E' così, che nella menzionata pronuncia si è altresì stabilito, a seguito di rilievo in limine, che: l'espressione "(ti restano pochi giorni)", esaminata nel contesto nella quale era stata proferita "avuto riguardo anche alle qualità personali dei soggetti coinvolti ed all'esistenza tra loro di  meri dissapori per ordinarie questioni condominiali" fosse priva di reale valenza "diffamatoria, non potendo neppure escludersi che avesse finalità di mera suggestione, per ovvia possibilità di essere recepita come connotata da capacità iettatoria".



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati