Changing Society, Intersezioni -  Redazione P&D - 2015-12-03

SELFIE, PLEASE... - Giuseppe FEDELI

Selfie: la parola=la moda del momento, la chiave per scardinare le porte e catapultarsi nel (cyber)mondo. Mixtum tra voyeurismo ed esibizionismo, riflette fedelmente una vita recitata a soggetto con soggetti reali traslitterati in oggetti da spiare e 'cosificare'. Selfie ovunque selfie sotto la pioggia selfie durante il footing selfie quando si fa cena. Selfie at Venice, sbaraccato le sovenir demodé. E così ci osserviamo, guardiamo noi che viviamo una vita aliena, quasi fossimo 'altri da noi'. Di là da quello che è un fenomeno di costume che ha preso piede ovunque, l'interrogativo che sorge inquietante è: si può recitare la parodia di se stessi e rimanere con una sola identità? Frames dall'id frantumato, dall'ego proteiforme, frammentato in una miriade di cloni di realtà virtuale, affinché -mirabile vero!- si compia il miracolo dell'ubiquità  -al pari delle particelle infinitesimali che possono, secondo la teoria quantistica, trovarsi 'contestualmente' in due 'tempi'-, dribbliamo la domanda, o forse il problema non ci tange proprio. Di qui al partner virtuale il passo è breve: similmente il viaggio (non quello interiore su cui hanno scritto pagine bellissime i grandi classici...) l'amicizia e il sesso virtuali: l'importante è 'essere agiti'. Il narcisismo c'entra, è indubbio, ma nella connotazione più negativa, e comunque distruttiva come distruttiva è la fissazione libidica non "sublimata". A ben 'guardare', sotto il fenomeno del selfie si cela la paura di mettersi in gioco, paradossalmente di metterci la faccia -come usa dire. Paradossalmente, perché la faccia c'è sempre e comunque, per definizione, ma come distaccata dal proprio 'originale', come punto di vista che s'infila in una vertiginosa via di fuga all'infinito, per rimanere disancorato da ogni punto concreto. Per cui - e mi riallaccio a precedenti contigue riflessioni- siamo uno nessuno e centomila, mille miliardi di maschere sotto cui si nasconde inconnue (la) personne: appunto quella maschera del teatro antico che significa nessuno, e che è l'equivalente del selfie e del guardonismo. E mi riferisco non solo al cyberspazio e alle sue community, ma anche all''ordigno' al plasma che serve a spiare dentro un'altra 'realtà', invadendo lo spazio domestico nella sua improbabile quanto 'studiata' urgenza. Perché è più facile entrare nel mondo degli altri, entrando nel nostro saremmo preda dei fantasmi, ineluttabilmente resteremmo vittime di quelle zone grigie che nessuno ha voluto né saputo esplorare, colorare, soffondendole di vita -quella 'vera'-, di sentimenti di gioia e anche di dolore, che pure è una 'realtà', oggi cloroformizzata. Perché, immersi in un liquido amniotico destrutturante, nessuno osa né sa più chiamare le cose col vero loro vero nome. A conti fatti, meglio non svegliarsi: perché, differentemente da quanto accade al ridestarsi dai sogni, ad attenderci dietro l'angolo troveremmo l'Incubo.



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati