Legislazione e Giurisprudenza, Beni, diritti reali -  Valeria De Franco - 2016-02-17

SERVITÚ: È CONFIGURABILE QUELLA DI PARCHEGGIO? - Cass. civ. n. 23708/14 - Valeria DE FRANCO

Diritti reali di godimento -

Servitù -

Art. 1027 c.c.-

Art. 1028 c.c. -

La sentenza citata tratta del tema della servitù, in particolare del più discusso profilo se sia configurabile o meno la cd. servitù di parcheggio. In questa pronuncia ancora una volta la corte ribadisce che la servitù di parcheggio non è configurabile poiché il parcheggio di autovetture costituisce manifestazione di un possesso a titolo di proprietà del suolo, non anche estrinsecazione di un potere di fatto riconducibile al contenuto di un diritto di servitù. In particolare, in una siffatta situazione mancherebbe il requisito della realitas intesa come inerenza al fondo dominante dell"utilità, così come al fondo servente del peso.

Invero, secondo la corte la mera commoditas di parcheggiare l"auto non può integrare gli estremi della utilità inerente al fondo stesso, risolvendosi in un mero vantaggio personale dei proprietari. Mentre, il contenuto del diritto di servitù implica la sussistenza del peso imposto sopra un fondo (servente) per l"utilità di un altro fondo (dominante) appartenente a diverso proprietario. Poiché, nel caso di specie è da ritenersi nullo per impossibilità dell"oggetto l"atto di costituzione della servitù, la corte rigetta la domanda dato il fatto che la stessa viene dedotta per la prima volta in sede di giudizio di legittimità e non nei precedenti gradi di giudizi.

In conclusione, il contratto che riconosca o costituisca una servitù di parcheggio di autovetture è nullo per impossibilità dell"oggetto difettando la realitas del diritto di servitù.



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati