Legislazione e Giurisprudenza, Avviso di accertamento -  Belotti Andrea - 2014-02-21

SI AL RIMBORSO ANCHE IN ASSENZA DEL MODELLO VR– Cass.: 1082/2014- Andrea BELOTTI

Trattasi di un caso abbastanza ricorrente, la cui conclusione è talvolta altalenante.

Un contribuente presenta regolarmente e in modo corretto la dichiarazione dei redditi nella quale viene evidenziato un credito Iva che contestualmente viene chiesto a rimborso con la compilazione del quadro RX e RX2. Ma l"Agenzia delle Entrate nega  tale rimborso per la omessa presentazione del quadro VR. Tale disposizione è contenuta, come noto, nell"art. 38 bis del DPR 26 ottobre 1972, n. 633.

La  Suprema Corte è orientata nel senso che, una volta che sia stato richiesto  il rimborso nella dichiarazione dei redditi , tale diritto viene ad esistenza cosicchè il modello VR ne costituisce solo il presupposto per la esigibilità .

Con la specificazione che la successiva presentazione di tale modello non è assoggettata al termine previsto  dall"art. 21, co. 2, del D.Lgs. 31 dicembre 1992, n.546, bensì alla prescrizione ordinaria decennale.

Afferma a tal proposito la S.C.  "Considerato, quindi, che la decisione impugnata, risulta in linea con il principio, già affermato in sede di esame di fattispecie analoga, secondo cui "In tema di rimborso IVA, deve tenersi distinta la domanda di rimborso o restituzione del credito d"imposta maturato dal contribuente, da considerarsi già presentata con compilazione nella dichiarazione annuale del quadro RX, che configura formale esercizio del diritto, rispetto alla presentazione altresì del modello VR, che costituisce, ai sensi del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633, art. 38 bis, comma 1, presupposto per l"esigibilità del credito e dunque adempimento necessario solo a dar inizio al procedimento di esecuzione del rimborso; ne consegue che, una volta esercitato tempestivamente in dichiarazione il diritto al rimborso con la compilazione del quadro "RX", la presentazione del modello "VR" non può considerarsi assoggettata al termine biennale di decadenza previsto dal D.Lgs. 31 dicembre 1992, n. 546, art. 21, comma 2, ma solo a quello di prescrizione ordinario decennale ex art. 2946 cod. civ." (Cass. n. 20039/2011, n. 9794/2010);"



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati