Legislazione e Giurisprudenza, Impresa, società, fallimento -  Mazzon Riccardo - 2015-01-26

SOCIETA' A RESPONSABILITA LIMITATA: IL BILANCIO DI LIQUIDAZIONE - Riccardo MAZZON

il dovere dei liquidatori di redigere il c.d. bilancio di liquidazione

relazione al bilancio, nota integrativa e primo bilancio successivo alla nomina dei liquidatori

nella relazione al bilancio, i liquidatori devono illustrare l'andamento, le prospettive, anche temporali, della liquidazione, ed i principi e criteri adottati per realizzarla

I liquidatori devono redigere il bilancio e presentarlo per l'approvazione, alle scadenze previste per il bilancio di esercizio della società:

Quanto alle modalità di redazione del bilancio, si applicano, in quanto compatibili con la natura, le finalità e lo stato della liquidazione, le disposizioni degli articoli 2423 e seguenti del codice civile (disposizioni peraltro richiamate, anche per le società a responsabilità limitata non in fase di liquidazione, dall'articolo 2478 bis, medesimo codice; cfr., amplius, capitolo undicesimo del volume citato):

"il liquidatore di una società a responsabilità limitata che abbia, con la sua condotta, reso impossibile la soddisfazione di un creditore sociale, è responsabile nei confronti di questi ex art. 2395 c.c., e può essere disposto, nei suoi confronti, anche il sequestro conservativo dei beni (nella specie il liquidatore aveva redatto il bilancio di liquidazione con criteri non conformi a legge, facendo risultare la totale incapienza della società)" (Trib. Napoli 9.10.2007, CM, 2007, 12, 1400).

Qualora per oltre tre anni consecutivi non venga depositato il cd. "bilancio in fase di liquidazione", la società è cancellata d'ufficio dal registro delle imprese con gli effetti previsti dall'articolo 2495 del codice civile (cfr., amplius, il capitolo ventesimo sempre del volume: "LE SOCIETA' A RESPONSABILITA' LIMITATA - ORIENTAMENTI GIURISPRUDENZIALI", CEDAM 2013, Riccardo MAZZON).

Nella relazione al bilancio, i liquidatori devono illustrare l'andamento, le prospettive, anche temporali, della liquidazione, ed i principi e criteri adottati per realizzarla.

I criteri di valutazione, adottati nella redazione del bilancio, debbono esser, dai liquidatori, indicati e motivati nella nota integrativa.

Nel primo bilancio successivo alla loro nomina, i liquidatori devono indicare le variazioni nei criteri di valutazione adottati rispetto all'ultimo bilancio approvato, nonché le ragioni e le conseguenze di tali variazioni:

"in tema di società, l'adozione, nella redazione del bilancio, di un criterio di valutazione di un cespite patrimoniale diverso da quello utilizzato negli esercizi precedenti senza che la nota integrativa rechi un'adeguata motivazione della deroga consentita dall'art. 2423 bis, comma 6, c.c. in casi eccezionali si traduce in una violazione del principio di continuità dei valori contabili, e comporta pertanto la nullità del bilancio, attesa l'inderogabilità dei criteri di valutazione dettati dall'art. 2426 c.c., la cui funzione consiste nell'assicurare la trasparenza e la leggibilità del bilancio da parte dei soci e dei terzi. (In applicazione di tale principio, la S.C. ha cassato la sentenza impugnata, la quale, in tema di Iva, aveva ritenuto illegittimo il recupero a tassazione della differenza tra le rimanenze iniziali iscritte nel bilancio di un società in liquidazione e le rimanenze finali risultanti alla data di chiusura dell'esercizio precedente, rilevando che le prime erano state iscritte al costo di acquisto e le seconde al valore di realizzazione, ed escludendo quindi la possibilità di desumere da tale variazione l'esistenza di vendite non fatturate)" (Cass. Civ., sez. trib., 7.5.2008, n. 11091, GCM, 2008, 5, 666).

Sempre nel caso di primo bilancio successivo alla nomina dei liquidatori, al medesimo deve essere allegata la documentazione consegnata dagli amministratori a norma del terzo comma dell'articolo 2487-bis del codice civile (cfr. paragrafo 6., capitolo diciottesimo del volume succitato), con le eventuali osservazioni dei liquidatori stessi.



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati