Legislazione e Giurisprudenza, Impresa, società, fallimento -  Mazzon Riccardo - 2014-02-15

SOCIETA' A RESPONSABILITA' LIMITATA: IL BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA - Riccardo MAZZON

Le società possono redigere il bilancio in forma abbreviata (i principi di chiarezza, verità e correttezza trovano applicazione anche quando il bilancio sia redatto in forma abbreviata, ai sensi dell'articolo 2435 bis del codice civile:

"richiamati i principi di chiarezza, verità e precisione quali requisiti di valore autonomo che presiedono alla validità e corretta approvazione del bilancio, va rilevato che la nullità della delibera di approvazione del bilancio si configura non soltanto quando il documento contabile approvato dia contentezza di risultati di esercizio non conformi alla reale situazione della società, ma anche quando dal bilancio approvato e dai relativi allegati non sia possibile desumere l'intera gamma di informazioni che la legge vuole siano fornite per ciascuna delle singole poste iscritte. In particolare, il principio di chiarezza, imponendo di fornire informazioni complementari, trova applicazione anche in presenza del bilancio in forma abbreviata ex art. 2435 bis c.c., il rigore informativo dovendosi commisurare al fatto che la deroga normativa di semplificazione alla disciplina comune del bilancio di esercizio non tocca il conto economico, sicché anche la nota integrativa non può far regredire lo standard informativo che ad esso si correda. Il socio ha interesse a che il bilancio sia chiaro e veritiero, anche ove egli abbia avuto "aliunde" piena contezza della realtà societaria)" (Trib. Milano 17.3.2005, GiutM, 2005, 28 – conforme - Trib. Cagliari 24.7.2006, n. 1351, RGSarda, 2009, 1, 61 – conforme, imponendo di fornire informazioni complementari: Trib. Milano 5.11.2001, GI, 2002, 554 - cfr., da ultimo, "LE SOCIETA' A RESPONSABILITA' LIMITATA - ORIENTAMENTI GIURISPRUDENZIALI", CEDAM 2013, Riccardo MAZZON) -,

quando, nel primo esercizio o, successivamente, per due esercizi consecutivi, non abbiano superato due dei seguenti limiti:

1) totale dell'attivo dello stato patrimoniale: 4.400.000 euro (somma aggiornata con l'articolo 1 del decreto legislativo 3 novembre 2008 n. 173; precedentemente, l'articolo 11 del decreto legislativo 7 novembre 2006, n. 285, aveva portato tale somma da 3.125.000 euro a 3.650.000 euro);

2) ricavi delle vendite e delle prestazioni: 8.800.000 euro (somma aggiornata con l'articolo 1 del decreto legislativo 3 novembre 2008 n. 173; precedentemente, l'articolo 11 del decreto legislativo 7 novembre 2006, n. 285, aveva portato tale somma da 6.250.000 euro a 7.300.000 euro);

3) dipendenti occupati in media durante l'esercizio: 50 unità.

Peraltro, le società che redigono il bilancio in forma abbreviata devono redigerlo in forma ordinaria quando, per il secondo esercizio consecutivo, abbiano superato due dei suddetti limiti.

Nel bilancio in forma abbreviata lo stato patrimoniale comprende solo le voci contrassegnate, nell'articolo 2424 del codice civile con lettere maiuscole e con numeri romani; le voci A e D dell'attivo possono essere comprese nella voce CII; dalle voci BI e BII dell'attivo devono essere detratti in forma esplicita gli ammortamenti e le svalutazioni; la voce E del passivo può essere compresa nella voce D; nelle voci CII dell'attivo e D del passivo devono essere separatamente indicati i crediti e i debiti esigibili oltre l'esercizio successivo.

Nel conto economico del bilancio in forma abbreviata le seguenti voci, previste dall'articolo 2425 del codice civile possono essere tra loro raggruppate:

voci A2 e A3

voci B9(c), B9(d), B9(e)

voci B10(a), B10(b), B10(c)

voci C16(b) e C16(c)

voci D18(a), D18(b), D18(c)

voci D19(a), D19(b), D19(c)

Nel conto economico del bilancio in forma abbreviata, nella voce E20 non è richiesta la separata indicazione delle plusvalenze e nella voce E21 non è richiesta la separata indicazione delle minusvalenze e delle imposte relative a esercizi precedenti.

Nella nota integrativa

"è nulla, per violazione del principio di chiarezza, la delibera di approvazione di un bilancio redatto in forma abbreviata, quando non venga data adeguata informativa sulla situazione debitoria della società né nel bilancio, né nella nota integrativa" (Trib. Cagliari 24.7.2006, n. 1351, RGSarda, 2009, 1, 61),

sono omesse le indicazioni richieste dal numero 10 dell'articolo 2426 del codice civile (cfr. paragrafo 11.6. del presente capitolo) e dai numeri 2), 3), 7), 9), 10), 12), 13), 14), 15), 16) e 17) dell'articolo 2427, stesso codice inoltre, le indicazioni richieste dal numero 6), del medesimo articolo 2427 citato, sono riferite all'importo globale dei debiti iscritti in bilancio:

"i ratei ed i risconti devono essere illustrati nella nota integrativa dei bilancio di esercizio solo se hanno un apprezzabile valore, laddove nessuna informazione al riguardo è necessaria nel bilancio in forma abbreviata" (Trib. Milano 5.11.2001, Soc, 2002, 722).

Le società possono, inoltre, limitare l'informativa richiesta ai sensi dell'articolo 2427, primo comma, numero 22-bis, del codice civile alle operazioni realizzate direttamente o indirettamente con i loro maggiori soci ed a quelle con i membri degli organi di amministrazione e controllo, nonché limitare alla natura e all'obiettivo economico le informazioni richieste ai sensi dell'articolo 2427, primo comma, numero 22-ter (disciplina aggiunta dall'articolo 1 del decreto legislativo 3 novembre 2008 n. 173).

Ancora, qualora le società forniscano, nella nota integrativa, le informazioni richieste dai numeri 3) e 4) dell'articolo 2428 del codice civile, esse sono esonerate dalla redazione della relazione sulla gestione:

"l'esonero dalla relazione sulla gestione previsto dall'art. 2435 bis, comma 4, c.c., quando siano fornite nella nota integrativa le informazioni di cui ai n. 3 e 4 dell'art. 2428 c.c., non presuppone la condizione, in positivo, del possesso di azioni o quote di società controllanti o proprie, purché le informazioni richieste dalla legge siano comunque fornite, anche in negativo, nella nota integrativa" (Trib. Milano 19.1.2004, GI, 2004, 567, RDC, 2004, 6, 1367).



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati