Legislazione e Giurisprudenza, Impresa, società, fallimento -  Mazzon Riccardo - 2014-01-24

SOCIETA' A RESPONSABILITA' LIMITATA: LA RELAZIONE SULLA GESTIONE - Riccardo MAZZON

Il bilancio della S.r.l. deve essere corredato da una relazione degli amministratori (da cui deve anche risultare l'elenco delle eventuali sedi secondarie della società),

"la sezione constata le seguenti irregolarità: ...omissis... - mancata adozione delle relazioni sulla gestione, da allegare ai bilanci di esercizio ai sensi dell'art. 2428 c.c., e predisposizione delle note integrative al bilancio in contrasto con quanto previsto dall'art. 2427 c.c. e dalla DGR n. 1271/2003" (C.Conti reg. Campania, sez. contr., 18.3.2010, n. 39, RCC, 2010, 2, 93, Ragiusan 2011, 323-324, 102 - cfr., da ultimo, "LE SOCIETA' A RESPONSABILITA' LIMITATA - ORIENTAMENTI GIURISPRUDENZIALI", CEDAM 2013, Riccardo MAZZON);

contenente un'analisi fedele, equilibrata ed esauriente della situazione della società e dell'andamento e del risultato della gestione (le parole "contenente un'analisi fedele, equilibrata ed esauriente della situazione della società e dell'andamento e del risultato della gestione" sono state sostituite, alle parole "sulla situazione della società e sull'andamento della gestione", dall'articolo 11 lett a) del decreto legislativo 2 febbraio 2007, n. 32: ai sensi dell'articolo 5 del medesimo decreto la modifica si applica ai bilanci relativi agli esercizi aventi inizio dalla data successiva a quella della sua entrata in vigore - 12 aprile 2007), nel suo complesso e nei vari settori in cui essa ha operato, anche attraverso imprese controllate, con particolare riguardo ai costi, ai ricavi e agli investimenti, nonché una descrizione dei principali rischi e incertezze cui la società è esposta (le parole "nonché una descrizione dei principali rischi e incertezze cui la società è esposta" sono state aggiunte dall'articolo 11 lett. b) del decreto citato):

"è illegittima l'iscrizione in bilancio, tra i ricavi della società, di proventi da conferimenti per un ammontare che, alla data di chiusura dell'esercizio di competenza, è incerto ed ipotetico in quanto fondato su una stima suscettibile di essere modificata sulla base di evenienze non dipendenti dalla società. Il rispetto del requisito della chiarezza, riguardante il contenuto informativo del bilancio, mediante la spiegazione, nella relazione degli amministratori, delle ragioni dell'incertezza nella determinazione dei proventi incidenti sui ricavi, non sana il difetto dei requisiti di correttezza e veridicità del bilancio che attengono al risultato economico, ed impongono l'iscrizione di componenti positive del reddito non meramente ipotetiche" (Cass. civ., sez. I, 24.7.2007, n. 16388, GCM, 2007, 7-8, GC, 2008, 12, 2899).

L'analisi testé descritta dev'essere coerente con l'entità e la complessità degli affari della società e deve contenere, nella misura necessaria alla comprensione della situazione della società e dell'andamento e del risultato della sua gestione, gli indicatori di risultato finanziari - e, se del caso, quelli non finanziari - pertinenti all'attività specifica della società, comprese le informazioni attinenti all'ambiente e al personale; l'analisi potrà contenere altresì, ove opportuno, riferimenti agli importi riportati nel bilancio e chiarimenti aggiuntivi su di essi (precisazione inserita dall'articolo 11 lett. c), del decreto citato):

"i crediti della società per risarcimento dei danni ancora non accertati e contestati dai presunti debitori non possono essere iscritti in bilancio ma di essi gli amministratori possono dare notizia nella relazione di cui all'art. 2428 c.c." (Trib. Napoli 10.6.1994, RDSp, 1994, 690).



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati