Legislazione e Giurisprudenza, Diritti e doveri del lavoratore -  Cardani Valentina - 2015-03-21

TRASFERIMENTO LAVORATORE: E' LEGITTIMO SEPPUR NON (FORMALMENTE) GIUSTIFICATO - Cass. Lav. 5434/15 – V. CARDANI

- Trasferimento lavoratore – art. 2103 c.c.

- Motivazioni trasferimento

- Forma del provvedimento


Per il caso di trasferimento del lavoratore dispone l'art. 2103 c.c. che prevede che questi non possa essere trasferito "se non per comprovate ragioni tecniche, organizzative e produttive".

La Suprema Corte, nella pronuncia in commento, ha osservato che la lettera della legge richiede la sussistenza – e la verifica – di tali ragioni in concreto, mentre nessun onere è previsto per il datore di lavoro di motivare espressamente nella stessa comunicazione con la quale il trasferimento del dipendente è disposto.

E così, deve essere rigettato il ricorso del ricorrente che abbia impugnato il trasferimento in quanto la relativa comunicazione si era limitata a rendere definitiva la precedente temporanea assegnazione (assistita da indennità di missione).

Secondo la Cassazione, infatti, è sufficiente che emerga la chiara volontà del datore di lavoro di trasferire il dipendente e che sussistano i presupposti (e cioè, le ragioni tecniche, organizzative e produttive) richieste dalla norma, sebbene queste non siano state espressamente richiamate nel provvedimento datoriale. Nessun onere formale è infatti posto dalla legge in capo al datore di lavoro in tal senso.



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati