Articoli, saggi, Generalità, varie -  Redazione P&D - 2014-07-14

VERSO IL FASCICOLO ELETTRONICO IN SANITA' - Stefania TONUTTI

Il Garante per la Protezione dei Dati Personali ha espresso  parere favorevole su uno schema di decreto del Presidente del Consiglio  dei Ministri (doc web nr. 3230826), che consentirà a tutte le Regioni  italiane di adottare il Fascicolo Sanitario Elettronico, ovvero  l'insieme dei dati e dei documenti digitali che costituiscono la storia  clinica di una persona. In realtà tale Autorità era già intervenuta nel  2009, per  supplire un mancato intervento governativo sul tema (con le  Linee Guida sul FSE - 2009).
Nel documento  adottato dal Governo  vengono elencati i dati ed i documenti da inserire  nel fascicolo, i soggetti coinvolti, le loro responsabilità ed i  compiti da svolgere, le misure di sicurezza da adottare.
Estrema importanza viene data al consenso informato: è infatti previsto che il paziente sia  informato con chiarezza e consapevolmente  possa decidere se  dare il consenso alla creazione del Fse (in mancanza del quale il  fascicolo rimarrà vuoto e quindi non accessibile,  né per finalità di  cura, né per finalità di ricerca o di programmazione sanitaria e  monitoraggio), e in caso positivo, decidere se dare anche il consenso  per finalità di cura (in mancanza del quale il fascicolo potrà essere  utilizzato solo per finalità di monitoraggio, programmazione e ricerca,  con le dovute garanzie di anonimato)
E' inoltre previsto che "alcune informazioni  di particolare delicatezza sono ora inseribili nel FSE solo con uno  specifico consenso dell'interessato (sieropositività, interruzione  volontaria di gravidanza, violenza sessuale, pedofilia, uso di sostanze  stupefacenti, parto in anonimato, attività dei consultori)".

Si rinvia a http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/3230826



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati