Legislazione e Giurisprudenza, Reato -  Giovanni Sollazzo - 2017-01-20

Violenza sessuale: l'aggravante dell'abuso dei poteri inerenti alla qualità di ministro di un culto - Cass. pen. 1949/17 - Carol Comand

In una recente pronuncia della Corte di legittimità si è ribadita la compatibilità dell'aggravante di cui all'art. 61 n. 9 cod. pen. con il reato di violenza sessuale.

In particolare, richiamate altresì alcune risalenti pronunce e considerata una nozione di "ministero sacerdotale" nel contesto della moderna dottrina della chiesa cattolica, si è ritenuto doversi affermare il seguente principio di diritto: "nei reati sessuali, è configurabile l'aggravante dell'abuso dei poteri o della violazione dei doveri inerenti alla qualità di ministro del culto cattolico, non solo quando il reato sia commesso nella sfera tipica e ristretta delle funzioni e dei servizi propri del ministero sacerdotale, ma anche quando la qualità sacerdotale abbia facilitato il reato stesso, essendo il ministero sacerdotale non limitato alle funzioni strettamente connesse all'attività parrocchiale".



Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di agosto 2020 Persona & Danno ha registrato oltre 241.000 visite.

Articoli correlati