Interessi protetti  -  Redazione P&D  -  02/12/2022

Covid, obbligo vaccinale, primi commenti alla Corte

“Sinceramente credo che sarebbe stata una sorpresa il contrario”, dichiara  Sergio Abrignani, immunologo ed ex componente del Comitato tecnico scientifico, “perché i provvedimenti vennero presi alla luce delle migliori conoscenze scientifiche esistenti in quel momento. Il principio che è stato affermato è che per la più alta Corte che ci sia in Italia, la Corte costituzionale, le decisioni che vennero adottate erano giuste e proporzionate. Non c’è altro da commentare”.

E pensare che poche ore prima della decisione della Consulta la Lega, con il suo senatore Claudio Borghi, esultava: “Abbiamo presentato emendamento per cancellare le multe da obbligo vaccinale nel decreto 31 Ottobre ed è stato dichiarato ammissibile. Primo firmatario Massimiliano Romeo. Adesso la parola all’Aula”.

“Le scelte del legislatore sull’obbligo vaccinale del personale sanitario sono non irragionevoli, né sproporzionate. La destra se ne farà una ragione: la tutela della salute pubblica viene prima di tutto”, ha invece commentato su Twitter la presidente dei senatori del Pd Simona Malpezzi.

 

 




Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di Marzo 2022, Persona&Danno ha servito oltre 214.000 pagine.

Libri

Convegni

Video & Film


Articoli correlati