Cultura, società - Generalità, varie -  Redazione P&D - 31/10/2009

RICORDANDO ALBERTO PARRINI

Al centro del suo pensiero e della sua azione c'era la persona sofferente, alla quale dedicava tutte le sue energie, ma con la consapevolezza dei limiti di ogni scelta medica, psicologica,che non fosse affiancata da processi di solidarietà, dal coinvolgimento di strutture di base, fossero esse politiche, religiose, sportive, culturali.

Protagonista dei processi di deistituzionalizzazione dell'Ospedale Psichiatrico San Salvi di Firenze, del suo Quarto Reparto Misto, e dei serivzi territoriali di Scandicci e di Prato, Alberto era sempre disponibile all'ascolto, al consiglio attento, al sostegno forte e articolato, che si univano a una profonda affettività e amore per gli altri, per cui nella sua équipe si respirava un intenso spirito di gruppo che non lasciava mai solo ogni singolo opertore, specialmente nelle situazioni più difficili.

Membro attivo di Psichiatria Democratica Nazionale e Toscana e tra i fondatori, sin dall'inizio a Milano, della rivista Fogli d'Informazione, che si avvia al suo quarantesimo anno, Alberto ci lascia i vissuti di un'esperienza ricca, indimenticabile, esemplare, che ha saputo coniugare il suo fertile impegno politico di compagno, con la sua profonda fede, religiosità cristiane.

Alberto verrà ricordato oggi pomeriggio alle 15 con una cerimonia religiosa che si terrà alla chiesa di San Cristoforo in Via Allori a Firenze. 



Societa Italiana di Psichiatria Democratica
Società Toscana di Psichiatria Democratica
Società Italiana di Psicoterapia Concreta