Famiglia, relazioni affettive - Ordini di protezione, antiviolenza -  Mazzotta Valeria - 19/03/2013

RATIFICATA LA CONVENZIONE DI LANZAROTE CONTRO L'ABUSO SESSUALE DEI MINORI - Valeria Mazzotta

Approvata dal Senato all"unanimità la ratifica della Convenzione per la protezione dei minori contro lo sfruttamento e l"abuso sessuale, firmata a Lanzarote il 25 ottobre 2007, entrata in vigore il 23 ottobre 2012 (L. 1 ottobre 2012, n. 172; G.U. n. 235 del 08/10/2012).

La principale novità riguarda l'introduzione di due nuovi reati, l'istigazione a pratiche di pedofilia e di pedopornografia (articolo 414 bis del codice penale) e l'adescamento di minorenni o "grooming" (articolo 609-undecies del codice penale).

Il primo reato prevede la reclusione da un anno e sei mesi a 5 anni per chiunque, con qualsiasi mezzo, anche il web, istighi il bambino o ragazzo a commettere reati come la prostituzione minorile, la detenzione di materiale pedopornografico, la corruzione di minori o la violenza sui bambini. Stessa pena per chi faccia apologia di questi reati.

Il secondo definisce l'adescamento di minore come "qualsiasi atto volto a carpire la fiducia del minore attraverso artifici, lusinghe o minacce posti in essere anche mediante l'utilizzo della rete Internet o di altre reti o mezzi di comunicazione", prevedendo la reclusione da uno a 3 anni.

Inasprite anche le pene per i reati già esistenti relativamente allo sfruttamento e abuso sessuale sui minori, in particolar modo realizzate tramite internet.

La legge rappresenta un traguardo legislativo molto importante nell"ambito della tutela dei diritti dei minori perché rafforza la loro protezione contro lo sfruttamento e l'abuso sessuale, adottando criteri e misure comuni ai Paesi aderenti sia per la prevenzione del fenomeno, sia per il perseguimento dei colpevoli e la tutela delle vittime.