Cultura, società  -  Redazione P&D  -  26/05/2022

Le gaffe storiche di Mike Bongiorno

Quando si parla della storia della televisione italiana, non possiamo non pensare ai nomi che l’hanno resa grande: Corrado, Raimondo Vianello e, ovviamente, Mike Bongiorno. Un uomo che con i suoi modi garbati, le sue indimenticabili gaffe e la sua incredibile storia ha conquistato milioni di italiani, che ancora oggi lo considerano come il padre fondatore della moderna tv. Una colonna portante del mondo dello spettacolo, che il 26 maggio 2022 avrebbe compiuto 98 anni.

Le gaffe storiche di Mike Bongiorno

Mike Bongiorno aveva la straordinaria capacità di conciliare le sue innate doti da mattatore televisivo al suo lato più leggero e divertente, fatto di gaffe, errori e “papere" che lo hanno fatto ben presto entrare nel cuore degli spettatori e hanno contribuito a costruire su di lui il suo personaggio. Sono molte quelle che sono ormai entrate nella storia, e che ancora oggi vengono spesso citate tra i momenti più esilaranti della tv. Complice soprattutto il passaggio del conduttore dalla Rai a Fininvest, nel 1979, dove le sue battute (intenzionali o meno) erano molto più tollerate. Come dimenticare l’ormai celeberrima frase “Ahi ahi ahi signora Longari, mi è caduta sull’uccello", rivolta alla storica campionessa del Rischiatutto (anche se in molti sostengono che, in realtà, non sia mai stata pronunciata), o “Cos’è quella cosa lì che ti pende in mezzo alle gambe?", riferita ad un concorrente che indossava una vistosa cintura.

Accadeva spesso che le battute di Mike Bongiorno fossero basate sui doppi sensi, cosa che faceva divertire il pubblico. Ma anche quando le gaffe non erano intenzionali, era sempre lì che si andava a parare: “Abbiamo Romina Power che ce la fa vedere", giusto per citarne un’altra, diventata iconica, anche se sarebbero decine le “papere" hanno reso il conduttore di Lascia o raddoppia? indimenticabile. Come ad esempio tutte quelle volte in cui, alla fine della domanda, leggeva anche la risposta, o le innumerevoli storpiature dei nomi e errori di lettura (“Ma chi sarà questo signor Paoli Vi del quale non ho mai sentito parlare?", in riferimento a Papa Paolo VI). Così come le sue frasi più famose.

Mike Bongiorno, le sue frasi iconiche

Tutti conosciamo Mike Bongiorno e il suo “Allegria!“, con cui apriva e chiudeva tutte le sue trasmissioni, e che è diventato il marchio di fabbrica, scolpito nella memoria di tutti gli “amici ascoltatori". Ma non solo: tra le sue citazioni più iconiche, per esempio, “Fiato alle trombe, Turchetti!", con cui dava il via a Rischiatutto, o “Quale busta vuole? La uno, la due o la tre?", diventata uno dei cavalli di battaglia anche dei suoi imitatori (tra gli altri, Fiorello). Divertente, ironico, a volte sbadato, ma anche serio e professionale, Mike Bongiorno è indissolubilmente legato alla storia della cultura e dello spettacolo italiano, e con i suoi programmi ha contribuito a creare la televisione che oggi conosciamo.




Autore

immagine A3M

Visite, contatti P&D

Nel mese di Marzo 2022, Persona&Danno ha servito oltre 214.000 pagine.

Libri

Convegni

Video & Film


Articoli correlati